IT   EN

Ultimi tweet

Firmato un accordo sull' assicurazione malattie dei frontalieri che lavorano in Svizzera e risiedono in Francia

Il consigliere federale Alain Berset, ministro delle assicurazioni sociali e della sanità, e Marisol Touraine, ministro francese degli affari sociali e della salute, hanno firmato questa settimana un accordo sull'assicurazione malattie dei frontalieri, che permette a chi non dispone di un'esenzione formale dall'obbligo di assicurarsi in Svizzera di presentare una domanda in tal senso.

La nuova normativa evita inoltre l'affiliazione simultanea all'assicurazione malattie dei due Paesi. I due ministri si incontreranno il prossimo autunno per continuare il dialogo sulle relazioni bilaterali in materia di salute e sicurezza sociale.

Dopo un intenso dialogo bilaterale, le autorità svizzere e francesi si sono accordate su una normativa riguardante l'assicurazione malattie dei frontalieri che lavorano in Svizzera e risiedono in Francia. L'accordo firmato da Marisol Touraine e Alain Berset permette di tenere conto della giurisprudenza sul coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale previsto nell'Accordo sulla libera circolazione delle persone fra la Svizzera e l'Unione europea.

La nuova normativa dà alle persone residenti in Francia soggette alle disposizioni dell'assicurazione malattie svizzera, ma assicurate in Francia per le cure in caso di malattia pur non disponendo di un'esenzione formale dall'obbligo di assicurarsi in Svizzera, la possibilità di presentare una domanda di esenzione nel periodo compreso fra il 1° ottobre 2016 e il 30 settembre 2017 mediante una procedura chiara. Trascorso tale termine, queste persone saranno soggette esclusivamente al regime di assicurazione malattie svizzero.

Le persone assicurate simultaneamente nei due Paesi e che non desiderano essere esentate dall'assicurazione malattie svizzera saranno stralciate dall'assicurazione malattie francese dopo averne fatto richiesta e dopo avere presentato alla propria Caisse primaire d'assurance maladie (CPAM) francese il modulo E 106 o il certificato S 1 rilasciato dall'assicuratore svizzero.

Il nuovo accordo contribuirà inoltre a migliorare la procedura: l'emanazione di una decisione di esenzione formale da parte delle autorità cantonali svizzere mediante un modulo unico e lo scambio di informazioni fra la Svizzera e la Francia renderanno più semplice la corretta applicazione delle norme.

Questa intesa franco-svizzera sottolinea l'importanza di un buon coordinamento delle assicurazioni sociali nelle situazioni transfrontaliere. I due ministri intendono trarre profitto da questa dinamica bilaterale e incontrarsi il prossimo autunno per continuare il dialogo avviato in materia di salute e sicurezza sociale.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.