IT   EN

Ultimi tweet

FERMO, ATTIVATO NUOVO REPARTO LUNGODEGENZA POST-ACUZIE: SIGLATO ACCORDO INRCA-ASUR AV4

Un’ulteriore Unità di degenza di venti posti letto e personale specifico dedicato per una struttura, quella dell’Inrca di Fermo, sempre più integrata nel tessuto socio-sanitario del territorio. E’ la parte essenziale dell’accordo siglato fra l’Irccs Inrca e l’Asur Area Vasta 4 nell’ambito dell’attivazione dell’Unità di Degenza Post-acuzie (lungodegenza) all’interno del Presidio Ospedaliero Inrca di Fermo.

L’attivazione dell’unità riporta a pieno regime la potenzialità assistenziale del Presidio, con posti letto dedicati alla cura e riabilitazione dell’anziano fragile e con patologie cronico-degenerative.

L’accordo, uno dei primi di partenariato in ambito regionale tra due strutture pubbliche, testimonia una sempre maggiore sinergia e prevede nello specifico l’attivazione di un’area di degenza post acuzie (lungodegenza) di 20 posti letto totali. L’organizzazione e gestione dell’area già attiva è affidata all’Inrca, così come sono dell’Istituto il complesso delle risorse sia umane che tecnologiche necessarie. Con l’attivazione, l’Area Vasta di Fermo recupera il numero di posti letto previsti nel settore delle post acuzie, consentendo un miglior turn-over di tutte le aree di degenza per acuti, in particolare dei reparti di medicina e chirurgia. “Si realizza così – spiega il Direttore Generale Inrca Gianni Genga – un’integrazione sempre più profonda tra la rete dei servizi territoriali e l’Istituto, che diviene così una struttura completa a 360° nell’assistenza all’anziano, insieme ai reparti di riabilitazione e cardiologia”.

L'Unità accoglierà pazienti dall’Ospedale Murri, oltre a quelli degli altri reparti della sede Inrca di Fermo. L’assistenza si rivolge principalmente a soggetti affetti da condizioni croniche che, terminata la fase acuta, necessitano di cure medico-infermieristiche e socio-sanitarie continuative nelle 24 ore. “Puntiamo a gestire con un taglio geriatrico più di 400 ricoveri l’anno – spiega Demetrio Postacchini, Direttore Dipartimento Geriatrico-Riabilitativo Inrca Fermo – attraverso operatori specializzati e processi attivati da tempo saremo vicino alle famiglie che riprendono i propri cari a casa”. In un territorio, ha ricordato il Presidente Inrca Don Vinicio Albanesi “in cui la popolazione ospedaliera è per la metà anziana”.

L’accordo consente di passare “da 27 posti letto per anziani a 83 – spiega il Direttore Area Vasta 4 Licio Livini - e di recuperare lo svantaggio rispetto ad altri territori, oltre a testimoniare la necessità di integrazione tra servizi e aziende nel garantire la continuità delle cure”.

Utenza

L’obiettivo della nuova area è infatti di fornire un’assistenza appropriata a pazienti con condizioni cliniche che non necessitano dello stesso numero di ore di assistenza e personale, rispetto ai pazienti con patologie acute, avendo superato la fase più critica del ricovero. Le cure seguiranno i percorsi della Valutazione Multidimensionale Geriatrica. Per generare piani assistenziali individuali di dimissione rivolti non solo al paziente ma anche ai familiari che assistono, sostenuti da personale specializzato. I pazienti idonei al ricovero avranno garanzia di accesso attraverso percorsi preferenziali e facilitati. Le dimissioni dei pazienti, qualora non fosse possibile un rientro al proprio domicilio o sussistano problematiche assistenziali, saranno concordate con i distretti competenti.

Organizzazione

L’attivazione prevede personale medico dedicato, tra cui due medici geriatri, sotto la supervisione diretta del Responsabile dell’Unità Operativa di Geriatria, otto infermieri, nove Operatori Socio-sanitari ed un fisioterapista.

Ringraziamenti al Sindaco di Fermo e al Presidente SOLGAS per la donazione

Con l’occasione, l’Inrca ringrazia il Sindaco Paolo Calcinaro e il Presidente della Solgas Filippo Ercoli per la donazione dei tendaggi sanitari per la privacy. Donazione che si inserisce nel percorso di umanizzazione delle cure verso un’assistenza sempre più rispettosa della dignità e della riservatezza della persona.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.