IT   EN

Ultimi tweet

Endometriosi: III commissione Regione Puglia approva proposta di legge

Approvata all’unanimità dalla III commissione consiliare della Regione Puglia, presieduta da Dino Marino (PD), la proposta di legge presentata dai consiglieri Annarita Lemma e Giuseppe Romano (entrambi del PD), sulle  “Disposizioni per la tutela delle donne affette dall’endometriosi”.


Si tratta di una patologia cronica, spesso progressiva, che colpisce tre milioni di donne solo in Italia. In poche sanno di essere malate, tanto che in media c’è un ritardo di nove anni tra la comparsa dei primi sintomi e la diagnosi. E’ stato appurato che la diagnosi certa  tardiva compromette la possibilità di effettuare un trattamento adeguato per migliorare la qualità della vita, per ridurre il rischio di  complicanze, per  scongiurare l’infertilità che interessa dal 30 % al 40 % delle donne affette.  Le  influenze negative sul lavoro comportano alti costi sociali che si sommano ai costi individuali. I ricoveri per endometriosi sul totale della popolazione italiana femminile rappresentano il 4.01% su 10.000 e costano 54.139.028,40 euro di degenza.  Inoltre le donne che vivono in aree geografiche caratterizzate da intenso inquinamento atmosferico, in particolare da attività industriali, sono particolarmente soggette a questa patologia, essendo noti da tempo il  rapporto  tra insorgenza di endometriosi e fattori ambientali. Nel 2012 la patologia è stata inclusa  nelle nuove tabelle dell'INPS come causa di invalidità civile .
La pdl prevede in particolare la istituzione dell’Osservatorio regionale che consentirà di  caratterizzare la malattia dal punto di vista fisiopatologico ed epidemiologico, permettendo di  organizzare strategie appropriate ottimizzando i costi.
Altra innovazione riguarda il Registro regionale che riporterà i casi di endometriosi, il numero di nuovi casi registrati annualmente, rappresentando statisticamente l'incidenza della malattia sul territorio regionale. Rileverà in particolare  le modalità di accertamento diagnostico della malattia, i trattamenti e gli interventi sanitari conseguenti, la qualità delle cure prestate, le conseguenze della malattia in termini funzionali.
Fondamentale sarà l’informazione capillare e la sensibilizzazione della comunità pugliese attraverso campagne informative che saranno promosse dall’assessorato alla salute. La dotazione finanziaria è di 50.000 euro.
La commissione ha poi aggiornato a venerdì 11 luglio  la audizione prevista con l’assessore al ramo Donato Pentassuglia e il Direttore generale dell’ASL TA Fabrizio Scattaglia in merito alla problematica del trasporto oncologico nella azienda sanitaria,  a seguito dell’assenza del primo alle prese con altri impegni istituzionali inderogabili.  
Nella fase introduttiva dei lavori hanno avuto luogo le audizioni della rappresentante dell’associazione Lider di Taranto in merito alla pdl sull’endometriosi e di un genitore di un ragazzo affetto da tumore  di Taranto a nome di tutta la comunità ionica.  
E’ emersa, da parte di quest’ultimo,  la grossa situazione di disagio di diversi malati oncologici che, a seguito della sospensione del servizio di trasporto, non sono più nelle condizioni di potersi curare in maniera adeguata. Di qui un accorato appello ai commissari a dare un “barlume di speranza” alle legittime aspettative degli interessati, a fronte di una finanziamento mirato disposto dal Consiglio regionale di 650 mila euro,  rispetto al quale alcuni commissari hanno espresso la necessità di fare chiarezza in merito ai criteri di utilizzo. Senza considerare che in altre ASL il problema è stato risolto, a conferma della mancanza di direttive regionali (e non solo in questo ambito),   in grado di dare omogeneità al sistema.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.