IT   EN

Ultimi tweet

EBOLA: REGIONE LAZIO, STABILITO IL PROTOCOLLO OPERATIVO PER SEGNALAZIONE E GESTIONE CASI SOSPETTI

L'osperdale Spallanzani come centro di riferimento nazionale per l’ebola. E’ attivo e disponibile H 24 tutti i giorni per consulenze da parte di tutti i presidi ospedalieri regionali e nazionali.

Ogni caso che rientra nei criteri di attenzione sarà immediatamente trasferito allo Spallanzani.

Il protocollo operativo prevede che: se il medico consultato valuterà il paziente come un caso di ebola in base ai criteri clinici, si metterà in contatto con il reparto di malattie infettive di riferimento per la gestione del paziente. I medici del reparto faranno una prima valutazione per escludere o confermare il sospetto di presenza del virus. Qualora si riscontri nel paziente un contagio da ebola, i medici dovranno contattare e confrontarsi con lo Spallanzani che si occuperà della gestione del paziente.

Attiva anche la formazione continua per gli operatori. La prossima settimana si avvierà il corso per gli infermieri che assegnano le classi di priorità nei pronto soccorso (i codici verde, giallo oppure rosso). E’ stata individuata e definita la scheda triage per la gestione dei casi sospetti con particolare riferimento alle aree di provenienza. Sono stati riattivati in tutti i presidi i percorsi sicurezza per il paziente potenziale.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.