IT   EN

Ultimi tweet

Due nuovi defibrillatori per la Scuola Superiore Sant’ Anna di Pisa

Poche condizioni mediche sono più traumatiche della morte cardiaca improvvisa, la ricerca conferma che la rianimazione cardiopolmonare e la disponibilità diffusa di defibrillatori esterni semiautomatici potrebbero prevenire circa un quarto delle morti improvvise pediatriche e giovanili. 

Per questi motivi la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa aumenta la disponibilità dei defibrillatori semiautomatici disponibili nelle sue strutture grazie alle due nuove apparecchiature donate dal Rotary Club di Pisa e dall’associazione ConAlbe Onlus, pronte per l’installazione in altrettanti laboratori di ricerca: il Percro Lab, laboratorio di robotica percettiva dell’Istituto TeCIP (Tecnologie della comunicazione, informazione, percezione) e il PlantLab dell’Istituto di Scienze della Vita, entrambi con sede a Ghezzano di San Giuliano Terme, alle porte di Pisa. 

  La cerimonia di consegna è avvenuta oggi alla presenza del rettore della Scuola Superiore Sant’Anna Pierdomenico Perata, anche in qualità di coordinatore del PlantLab dell’Istituto di Scienze della Vita; del direttore dell’Istituto TeCIP (Tecnologie della Comunicazione, Informazione, Percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna Massimo Bergamasco, fondatore del Percro Lab, laboratorio di robotica percettiva dell’Istituto TeCIP (Tecnologie della comunicazione, informazione, percezione). Alla cerimonia hanno partecipato Michele Emdin e Claudio Passino, entrambi docenti di cardiologia dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna e, soprattutto, il presidente e il vice presidente del Rotary Club Pisa, rispettivamente Gianluca de Felice e Giuseppe Meucci, e il presidente dell’associazione ConAlbe Onlus, Michele Contini. Rotary Club Pisa e ConAlbe Onlus hanno donato i due defibrillatori che, in aggiunta a quelli già operativi, contribuiranno a rendere sempre più cardioprotette le strutture della Scuola Superiore Sant’Anna e, in particolare i due laboratori, frequentati da allievi, ricercatori e docenti.

  Il dono del Rotary Club di Pisa, concretizzatosi grazie all’impegno del socio Antonio Latella, rientra nel suo programma annuale di iniziative a supporto della cittadinanza, per incentivare la diffusione degli strumenti di prevenzione della morte improvvisa a Pisa. Il Rotary Pisa ha donato due defibrillatori semiautomatici, di cui uno è stato assegnato alla Scuola Superiore Sant’Anna. Un dono analogo è stato offerto dall’associazione ConAlbe Onlus, nata per ricordare Alberto Contini, scomparso per un’improvvisa patologia cardiaca, per dare vita a iniziative di sensibilizzazione sulle patologie cardiovascolari e per promuovere attività di prevenzione.

  “La morte cardiaca improvvisa – hanno sottolineato i professori Michele Emdin e Claudio Passino durante la cerimonia - è relativamente rara nelle persone giovani, ma la sua presentazione drammatica e l’impatto sulla famiglia e sulla comunità giustificano la sua rilevanza. I casi di morte cardiaca improvvisa in atleti esemplificano alla perfezione la metafora della vulnerabilità nascosta in una persona in apparenza sana. La morte improvvisa nei giovani, in particolare, è rara. Circa il 25 per cento dei casi si verifica durante attività sportiva. In letteratura, si stima che la rianimazione cardiopolmonare e la disponibilità diffusa di defibrillatori esterni semiautomatici, come quei due donati da Rotary Pisa e ConAlbe Onlus che si aggiungono a quelli già presenti al Sant’Anna, potrebbero prevenire circa un quarto delle morti improvvise pediatriche e giovanili”.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.