IT   EN

Ultimi tweet

DIABETE: L' INSULINA E' IN PILLOLA. STUDIO SU 'SCIENCE'

Un team di ricerca guidato dal MIT -Massachusetts Institute of Technology di Boston ha sviluppato una capsula di farmaco che potrebbe essere utilizzata per somministrare dosi orali di insulina, sostituendo potenzialmente le iniezioni che le persone con diabete di tipo 2 devono somministrarsi ogni giorno.


Grande come un mirtillo, la capsula contiene un piccolo ago di insulina compressa, che viene iniettato dopo che la capsula raggiunge lo stomaco. Nei test sugli animali, i ricercatori hanno dimostrato di poter fornire abbastanza insulina per abbassare lo zucchero nel sangue a livelli paragonabili a quelli prodotti da iniezioni somministrate attraverso la pelle. Hanno anche dimostrato che il dispositivo può essere adattato per fornire altri farmaci proteici.


"Siamo davvero fiduciosi che questo nuovo tipo di capsula possa un giorno aiutare i pazienti diabetici e forse anche chiunque abbia bisogno di quelle terapie che ora possono essere somministrate solo tramite iniezione o infusione", dice Robert Langer, docente al David H. Koch Institute, membro del MIT's Koch Institute for Integrative Cancer Research, uno degli autori senior dello studio.


Altro autore senior dello studio è Giovanni Traverso, assistente professore al Brigham and Women's Hospital, Harvard Medical School, e visiting scientist del MIT's Department of Mechanical Engineering, dove sta iniziando come membro della facoltà nel 2019. Il primo autore dell'articolo, che appare sul numero 7 febbraio di Science, è lo studente laureato del MIT, Alex Abramson. Il team di ricerca comprende anche scienziati della società farmaceutica Novo Nordisk.

La punta dell'ago è fatta di quasi il 100% di insulina compressa e liofilizzata, utilizzando lo stesso processo usato per formare compresse di farmaci. L'asta dell'ago, che non entra nella parete dello stomaco, è fatta di un altro materiale biodegradabile.
All'interno della capsula, l'ago è collegato ad una molla compressa che viene tenuta in posizione da un disco di zucchero. Quando la capsula viene ingerita, l'acqua nello stomaco scioglie il disco di zucchero, rilasciando la molla e iniettando l'ago nella parete dello stomaco.
La parete dello stomaco non ha recettori del dolore, quindi non si dovrebbe sentire l'iniezione. Per garantire che il farmaco sia iniettato nella parete dello stomaco, i ricercatori hanno progettato il loro sistema in modo che non importa come la capsula atterri nello stomaco: può orientarsi in modo che l'ago sia in contatto con il rivestimento dello stomaco.

I ricercatori si sono ispirati per la caratteristica di auto-orientamento a una tartaruga nota come tartaruga leopardo che si trova in Africa. Ha una conchiglia con una cupola alta e ripida, che le permette di raddrizzarsi se rotola sulla schiena. I ricercatori hanno usato il computer modeling per trovare una variante di questa forma per la loro capsula, che permette di riorientarsi anche nell'ambiente dinamico dello stomaco.
"L'importante è avere l'ago a contatto con il tessuto quando viene iniettato", dice Abramson. Una volta che la punta dell'ago viene iniettata nella parete dello stomaco, l'insulina si scioglie a un ritmo che può essere controllato dai ricercatori mentre la capsula viene preparata. 

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.