IT   EN

Ultimi tweet

Cuore sport: benefici maggiori nei pazienti rispetto ai sani #ESCCongress #ESC2019

Uno studio su quasi mezzo milione di persone ha scoperto per la prima volta che quelli con problemi cardiaci o dei vasi sanguigni traggono maggiori benefici da uno stile di vita fisicamente attivo rispetto alle persone sane senza malattie cardiovascolari (CVD).

Lo studio, pubblicato oggi sull'European Heart Journal (1]), è presentato all'ESC Congress 2019 in corso a Parigi, che si tiene contemporaneamente al World Congress of Cardiology  (2).

L'aumentata attività fisica ha ridotto il rischio di morte durante un periodo di follow-up di sei anni per le persone con e senza CVD, ma i ricercatori hanno scoperto che la maggiore riduzione del rischio c' era nelle persone con CVD e proseguiva con l'aumentare dell'abitudine all'esercizio fisico.

Ci sono molte prove per dimostrare che l'attività fisica riduce il rischio di morire di CVD in persone sane; ci sono meno prove del suo effetto nelle persone con CVD preesistente sebbene le linee guida lo raccomandino e, fino ad ora, nessuno studio ha confrontato l'effetto benefico dell'attività fisica tra le persone con e senza CVD.

I ricercatori guidati dal dott. Sang-Woo Jeong, cardiologo della Seoul National University (Seoul, Corea), hanno esaminato i dati di un totale di 441.798 persone iscritte al gruppo di screening sanitario coreano per i servizi di assicurazione sanitaria, che hanno subito un programma di screening sanitario tra il 2009 e 2015 e completato sondaggi sull'attività fisica. I partecipanti avevano un'età superiore ai 40 anni e l'età media era di 60 anni. Un totale di 131.558 aveva CVD e 310.240 no; Il 53,5% erano uomini. I partecipanti sono stati seguiti per quasi sei anni e le informazioni su decessi e cause di morte sono state raccolte dall'indice nazionale sulla morte della Corea.

Alla fine del periodo di follow-up, i ricercatori hanno scoperto che le persone con CVD beneficiavano di più dell'esercizio fisico rispetto a quelle senza CVD; per ogni 500 MET-min / settimana il rischio di morte è stato ridotto rispettivamente del 14% e del 7%.

“Le linee guida ESC 2016 per la prevenzione primaria raccomandano che gli adulti sani di tutte le età dovrebbero eseguire almeno 150 minuti a settimana di intensità moderata o 75 minuti a settimana di intensa attività fisica aerobica o una combinazione equivalente -spiega il co-autore Dr Si-Hyuck Kang, cardiologo della Seoul National University- Un modo per raggiungere 500 MET-minuti alla settimana è fare camminate veloci per 30 minuti, cinque volte a settimana. Se sei molto occupato e non hai tempo di allenarti durante i giorni feriali, l'altro modo per raggiungere circa 500 MET-minuti alla settimana è quello di fare una vigorosa attività fisica come arrampicarti sulle colline senza carichi per 75 minuti una volta alla settimana. Puoi raggiungere 1500 MET-minuti alla settimana facendo una camminata veloce per 30 minuti cinque volte alla settimana più arrampicarti sulle colline per 2,5 ore una volta alla settimana. ” 

I ricercatori ritengono che le loro scoperte possano applicarsi ad altre persone in altri paesi poiché il ruolo svolto dall'attività fisica nella CVD è comune a tutte le popolazioni.

“I medici dovrebbero sottolineare l'importanza di uno stile di vita fisicamente attivo per i pazienti con malattie cardiovascolari. Dovrebbero essere incoraggiati a mantenere quanta più attività fisica possibile -conclude il dott.  Kang- Le persone che sono fisicamente attive dormono meglio, si sentono meglio e funzionano meglio. Vorremmo sottolineare che l'attività fisica è un modo economico per vivere più a lungo, più sani e più felici, con scarsi effetti collaterali ".

(1) "Riduzione della mortalità con attività fisica in pazienti con e senza malattie cardiovascolari", di Sang-Woo Jeong et al. Giornale europeo del cuore . doi: 10.1093 / eurheartj / ehz564

(2) Estratto n .: 1272, "Attività fisica e mortalità con e senza malattie cardiovascolari", di Sang-Woo Jeong nella sessione "Blockbusters from the Young in preventive cardiology"

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.