IT   EN

Ultimi tweet

CUORE, PREVENIRE E COMBATTERE LE MALATTIE: BRISIGHELLA HEART STUDY

Se hai a cuore il tuo cuore vai a vivere a Brisighella. Per farlo basta un clic, seguire semplici consigli di viver sano e diventare un brisighellese doc. Si chiama www.atuttocuore.it il progetto educazionale di MSD Italia che permette a tutti di poter godere dei benefici che vengono dal "Brisighella HEART Study", lo studio osservazionale che, per continuità e significatività, è uno dei più longevi ed evoluti casi mai esistiti al mondo di monitoraggio longitudinale di una popolazione.

Dal 1972 a Brisighella, in Emilia Romagna, l'Università degli Studi di Bologna affianca la popolazione e, grazie alla collaborazione dell'amministrazione locale, dei medici di famiglia e della cittadinanza, ha potuto dichiarare guerra alle malattie cardiovascolari, con straordinari risultati, tanto da diventare un modello d'esempio in tutto il mondo.

Oggi, grazie al Progetto Educazionale  Brisighella Project di MSD il piccolo paesino nel cuore dell'Emilia Romagna apre le sue porte, entra nei pc con il sito www.atuttocuore.it e condivide i suoi segreti per avere un cuore più sano. Il vero segreto di Brisighella, però, è nel sorriso: se c'è una lezione che questo studio scientifico ha insegnato è che si può avere un cuore sano con piccoli accorgimenti nello stile di vita senza subire regole e divieti. Se prendersi cura del cuore è un gioco da ragazzi per i brisighellesi, oggi lo è per tutti: su www.atuttocuore.it, infatti, grazie al "brisigame" si ottiene la cittadinanza onoraria, si gioca e, alla fine, si impara.

 

PARLA CLAUDIO BORGHI -  PROFESSORE DI MEDICINA INTERNA DELL'UNIVERSITA' DI BOLOGNA,  RESPONSABILE DEL BRISIGHELLA HEART STUDY

«Iniziato nel 1972 il progetto Brisighella Heart Study è quanto mai attuale - dice Claudio Borghi, professore di medicina interna dell'Università di Bologna e responsabile del "Brisighella HEART Study"- perché non abbiamo ancora risolto nel mondo il problema delle malattie cardiovascolari come prima causa di morte. Quindi, l'interesse per queste malattie non è ancora scemato, anzi. La lezione che viene dallo studio scientifico condotto a Brisighella è semplice: grazie alla collaborazione tra le Istituzioni, una municipalità illuminata, una popolazione bene informata e, quando serve, una mano dalle terapie il livello di rischio cardiovascolare e conseguente mortalità si può ridurre. Da Brisighella abbiamo imparato che il modello medicalizzato dell'imposizione, del divieto e della paura non serve. Molto più efficace quello del dialogo e dell'educazione. Oggi grazie al progetto educazionale di MSD che prende il via dallo studio osservazionale Brisighella, tutti possono far parte di questa iniziativa. Basta andare sul sito www.atuttocuore.it, giocare ad essere un brisighellese, far tesoro dei consigli e poi applicarli nel proprio ambito quotidiano. Perché Brisighella può essere anche 'copiato' in una famiglia,ad esempio. Se fosse un film si potrebbe dire che l'Università di Bologna è lo sceneggiatore che scrive la trama, i medici del Territorio i registi, i cittadini i protagonisti e la municipalità il produttore. Un film da oscar da girare ogni giorno, a casa di ognuno di noi.

I medici di Medicina Generale recitano un ruolo fondamentale all'interno dello studio. Ed è per questo che sul sito www.atuttocuore.it c'è uno spazio dedicato a loro. Il nostro obiettivo, ambizioso ma possibile, è quello di trasformare ogni studio medico in  una piccola Brisighella utilizzando uno strumento applicativo che gode di grande forza e credibilità. La sensazione è che ultimamente il medico sia stretto dal regolatorio e dalla spending review e abbia meno tempo da dedicare all'educazione del paziente. Ma di investimento si tratta che dà enormi frutti a lunga distanza. Brisighella insegna».

PARLA D'ADDATO - RICERCATORE MEDICO DELL'UNIVERSITA' DI BOLOGNA

COORDINATORE DEL BRISIGHELLA HEART STUDY

«La prima lezione che viene dallo Studio è che con poco si può ottenere molto a patto che s'investa in educazione al cittadino, prima ancora che diventi paziente. Invitiamo tutti i medici ad informarsi, ad andare sul sito www.atuttocuore.it, a prendere informazioni sul Brisighella Heart Study. Perché facilmente si renderanno conto che è un modello che si adegua alle indicazioni internazionali, con basi scientifiche valide. Aderire al progetto vuol dire sposare la scienza».

PARLA DAVIDE MISSIROLI – SINDACO DI BRISIGHELLA

Le parole chiave del progetto Brisighella sono due: comunità e longevità. Perché in questo progetto non ci si è limitati ad un rapporto uno ad uno tra medico e paziente ma si è mossa tutta la comunità e mai come in questo caso possiamo dire che lo slogan ‘l’unione fa la forza’ si sia dimostrato vincente. Un sindaco indossa la fascia tricolore e non un camice. Il progetto Brisighella ha dimostrato che una comunità coesa può innovare e guardare con fiducia al suo futuro se crede in una politica di prevenzione e si indirizza verso stili di vita attivi.

STORIA DEL BRISIGHELLA HEART STUDY -  Lo studio di Brisighella, inizia nel 1972,  quando l’epidemiologia delle malattie cardiovascolari era ai primi passi. In realtà, alcune esperienze storiche in campo cardiovascolare erano già incominciate: per esempio, lo studio di  Framingham. La peculiarità dello studio di Brisighella fu quella di incentrare la ricerca, oltre che sul ruolo della ipertensione, su alcune caratteristiche del profilo lipidico e sullo stile di vita della popolazione. Il professor Descovich ebbe quindi l’idea, sicuramente pionieristica, di dar vita ad uno studio epidemiologico, tutto italiano che verificasse la correlazione tra i fattori lipidici, ipertensione arteriosa, parametri antropometrici e abitudini di vita (alimentazione e attività fisica) e le malattie cardiovascolari.

Lo studio fu progettato sin dall’inizio come un'osservazione a lungo termine e basata su controlli nel tempo dei soggetti partecipanti e con il monitoraggio della morbidità e mortalità della popolazione. La scelta cadde sul Comune di Brisighella situato vicino a Faenza, perché la popolazione risultava omogenea, si erano conservate intatte le tradizioni alimentari locali ed erano, allora, pressoché assenti i fenomeni d’immigrazione. Tra i determinanti la malattia aterosclerotica si riteneva allora avere una grande importanza lo stress. Ne era derivata la necessità di verificare l’impatto di situazioni stressanti croniche sui delicati meccanismi omeostatici. Pertanto si decise di prendere in considerazione il fenomeno del "pendolarismo" molto diffuso a Brisighella, quale causa di stress cronico. Tutto questo si rese possibile grazie ad una stretta collaborazione, sino ad allora mai sperimentata, con l’amministrazione pubblica del Comune di Brisighella. L’intervento si articolò, principalmente su modifiche dello stile di vita della popolazione, promuovendo sia un’alimentazione più “sana” sia l’aumento dell’attività fisica nei soggetti sedentari.

Lo studio si è articolato in due fasi principali: la prima dal 1972 al 1984 di tipo prettamente osservazionale, con rilevamenti quadriennali di tipo nutrizionale, antropometrico, biochimico e stile di vita . Dopo il quarto rilevamento del 1984, con le conoscenze maturate sul campione di popolazione nell’arco di 12 anni si era assistito ad un progressivo aumento di alcuni parametri: colesterolo totale, trigliceridi, BMI, pressione arteriosa. Si sentì, perciò, la necessità di attuare un intervento preventivo nei confronti  dei fattori di rischio per  cardiopatia ischemica su tutta la popolazione attraverso tre strategie:si mise in atto un progetto di educazione alimentare della popolazione ; si intervenne sui bambini in età scolare per educare di riflesso le famiglie; si intervenne farmacologicamente sulla popolazione “ ad alto rischio” (The Brisighella Heart Study) prima con le terapie allora a disposizione poi con le statine. Ma il Progetto Brisighella è in continua evoluzione. Nel 2008 è iniziata la raccolta del DNA nella popolazione  e promossa la creazione di una biobanca  che ad oggi risulta costituita da più di 2000 campioni.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.