IT   EN

Ultimi tweet

CRO AVIANO, HAI MAI VISTO IL TUO DNA?

"Ma alla fine cosa fate tutto il giorno in laboratorio?» domandò il bimbo al giovane che indossava sicuro un affascinante camice bianco…". Spiegarlo non fu facile.

Spesso i ricercatori si sentono fare questa domanda da chi è incuriosito dal loro lavoro. Non è mai facile far comprendere con immediatezza e semplicità i meccanismi delle mutazioni, le implicazioni dell’ingegneria genetica, l’origine stessa della vita e le sue più crude sfumature, come a esempio il cancro.

Per questo i Giovani Ricercatori dell’Istituto Nazionale Tumori CRO di Aviano, con la Provincia e il Comune di Pordenone, hanno organizzato – dal 7 al 15 novembre – qualcosa di estremamente affascinante, interessante, profondamente didattico e inedito che ha sì i connotati di una mostra scientifica interattiva in piena regola ma dietro la quale si cela la straordinaria passione che i nostri precari della ricerca hanno per l’amata scienza.

L’obiettivo non è quindi, come si potrebbe legittimamente pensare, un focus in formato under 18 con finalità preventive sulle neoplasie, semmai la possibilità, per grandi e piccini adulti e ragazzi, di sentir raccontata e veder animarsi il mondo della ricerca scientifica che popola i laboratori del CRO.

Tutto ciò si chiama «DNA AND… La scienza raccontata dai Giovani Ricercatori del CRO», a Pordenone, nei locali della Provincia. Sì, è principalmente destinata alle scuole secondarie ma, come si diceva, assolutamente aperta a tutti coloro i quali hanno desiderio di vedere, scoprire, capire.

Guest starring della mostra, organizzata con la Direzione Scientifica dell’Istituto, il DNA e i suoi molteplici ruoli nella nostra vita. Qualcosa di cui in molti hanno sentito parlare senza però aver mai avuto la concreta occasione di approfondire. Lo si potrà fare inoltrandosi nel percorso di postazioni espositive-interattive tra le quali si camminerà per mano di un giovane ricercatore o visitando un laboratorio pratico. In ogni postazione l’AND del titolo sarà declinato in un tema diverso della scienza e della ricerca legato al DNA, mettendo in evidenza come si svolge in concreto la ricerca al CRO. Completano il materiale informativo, nelle varie postazioni, pannelli esplicativi, piccoli esperimenti e dimostrazioni pratiche.

Della indiscussa star-DNA si parlerà in relazione alle mutazioni (perché è importante che resti intatto), all’ingegneria genetica (come si crea un OGM e a cosa serve nella ricerca), ai farmaci (perché in alcune persone i farmaci funzionano meglio), ai microbi (come studiamo il DNA di virus e batteri per riconoscerli e combattere quelli “cattivi”), all’identità (come il nostro DNA ci rende unici, cos’è il profilo genetico che si usa per il famoso test), all’ambiente (come l’ambiente in cui viviamo ci modifica e modifica anche il nostro DNA, in meglio o in peggio) e ai tumori (cosa vuol dire sostanza cancerogena e come ad un certo punto una cellula impazzisce e forma un tumore).

Nel laboratorio pratico «Porta a casa il tuo DNA» ciascun visitatore potrà provare ad estrarre il proprio DNA con metodi casalinghi, vederlo e portarlo a casa in una provetta. Partner dell’iniziativa sono Provincia e Comune.

L’inaugurazione avrà luogo venerdì 6 novembre alle 18:30, e da sabato 7 si comincia. Nei weekend entrata libera con orario 10-13, 15-19, mentre i giorni feriali saranno dedicati alle visite delle scuole e dei gruppi su prenotazione (da lunedì a venerdì 9-13, mercoledì e venerdì anche 18-19:30). La durata della visita sarà di un’ora e mezza circa, due con il laboratorio. L’ingresso è gratuito. Per prenotazioni e informazioni: dnaand2015@gmail.com o yrca.space@gmail.com.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.