IT   EN

Ultimi tweet

Coronavirus Sardegna, test e tamponi per chi entra nell' isola fino al 7 ottobre

 

La ‘stretta’ sugli ingressi in Sardegna era nell’aria e ieri, nella tarda serata, è arrivata la nuova ordinanza del presidente della Regione Sardegna che prevede la certificazione di non positività per chi arriva nell’Isola.

Una sorta di passaporto sanitario, a cui il presidente Christian Solinas aveva pensato all’inizio della stagione estiva e turistica e che aveva accantonato travolto da critiche e accuse arrivate anche da esponenti del Governo nazionale.

Le disposizioni partono subito fino al 7 ottobre 2020, salvo proroga esplicita e salvo ulteriori diverse prescrizioni, anche di segno contrario, che dovessero rendersi necessarie in dipendenza dell’andamento della curva di diffusione del virus, che sarà costantemente monitorata dai competenti organi dell’amministrazione e delle aziende

Dopo la ripresa del virus -‘arrivato da fuori, a luglio la Sardegna era Covid free’ ha ribadito più volte Solinas - con i contagi registrati ad agosto e i numeri che anche nell’Isola crescono (da giorni la terapia intensiva del principale Covid hospital, il Santissima Trinità di Cagliari, è piena), il Presidente prova a blindare la Sardegna, forte dell’Autonomia regionale che gli consente "anche in qualità di Autorità Sanitaria Regionale, di valutare e ponderare gli interventi necessari per la tutela della salute pubblica".

"Le dimensioni sovranazionali del fenomeno epidemico e l’interessamento di più ambiti sul territorio nazionale - si legge nella premessa dell’ordinanza - rendono necessarie misure volte a garantire l’attuazione dei programmi di profilassi elaborati in sede internazionale ed europea, graduando le misure in base alla specificità del contesto territoriale interessato, nel rispetto dei principi di ragionevolezza, proporzionalità ed adeguatezza al rischio effettivamente presente sul territorio regionale".

Da lunedì 14 settembre, quindi, "i passeggeri che intendono fare ingresso nel territorio regionale, provenienti dall’estero e/o dal territorio nazionale, sono invitati a presentare, all’atto dell’imbarco, l’esito di un test – sierologico (IgG e IgM) o molecolare (RNA) o Antigenico rapido – eseguito non oltre le 48 ore dalla partenza, che abbiano dato esito negativo per Covid-19. I passeggeri potranno, alternativamente, dimostrare, sempre all’atto dell’imbarco, di aver compilato on line apposita autocertificazione, comprovante di essersi sottoposti, nelle 48 ore antecedenti all’ingresso nel territorio regionale, ad un test sierologico, molecolare o antigenico, il cui esito è risultato negativo, avendo cura di indicare obbligatoriamente: a) il tipo di test effettuato e la data di esecuzione; b) il nome della struttura (pubblica, privata o privata accreditata) presso la quale lo stesso test è stato effettuato".

La Regione prevede un regime transitorio per chi ha già programmato un viaggio in Sardegna per i prossimi giorni: "a far data dal 14 settembre 2020, solo in via transitoria, precisa l’ordinanza, i passeggeri che si presentino sul territorio regionale privi della necessaria certificazione accettano di sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone entro 48 ore dall’ingresso nel territorio regionale, a cura dell’azienda sanitaria locale di riferimento ovvero presso una struttura privata accreditata.

A tal fine gli stessi passeggeri, anche se asintomatici, sono obbligati a comunicare immediatamente il proprio ingresso nel territorio regionale all’azienda sanitaria competente e, nelle more dell’esito delle indagini di laboratorio effettuate dalla competente Azienda sanitaria, ad osservare l’isolamento domiciliare fiduciario, che verrà meno solo all’atto dell’eventuale esito negativo degli stessi esami e salvo ulteriori diverse disposizioni dell’Azienda Sanitaria competente".

Altro punto regolamentato dall’ordinanza riguarda le mascherine, con "l’obbligo sull’intero territorio regionale di indossare per l’intera giornata (H 24) protezioni delle vie respiratorie (mascherine) anche in tutti i luoghi all’aperto in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno 1 metro".

Le misure preventive non si applicano ai soggetti che: 

a) esercitano attività funzionali ad organi costituzionali;
b) all’equipaggio dei mezzi di trasporto;
c) al personale viaggiante su navi e aerei, per motivi di lavoro e salute;
d) in tutte le altre ipotesi previste all’art. 6, commi 6 e 7 del DPCM 7 agosto
2020, in coerenza a quanto disposto dal comma 3 dell’art.1 del DPCM 7
settembre 2020.

Al fine di provare la funzionalità degli spostamenti allo svolgimento delle predette funzioni, la cui veridicità potrà essere oggetto di successivi controlli incrociati e a campione, dovrà essere comunque compilata la registrazione su “Sardegna Sicura”.

L'ordinanza della Regione Sardegna

 
Aggiornamenti gratis nel canale Telegram: t.me/salutedomani
 
 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.