IT   EN

Ultimi tweet

CONGRESSO CIPOMO: LA RETE ONCOLOGICA VENETA RAPPRESENTA UN’ OPPORTUNITA’ PER GARANTIRE CURE MIGLIORI

All’interno del XVIII Congresso Nazionale Cipomo (Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri) dal titolo La gestione della complessità in Oncologia: intelligenza di sciame tenutosi a Lazise ampio spazio è stato dedicato al tema della costituzione delle reti oncologiche regionali.

 

Nel corso dei lavori il Prof. Pierfranco Conte ( Coordinatore della Rete Oncologica Regionale del Veneto) ha illustrato come sia stato fatto un ulteriore passo in avanti nella costituzione della Rete oncologica veneta e con il decreto del 4 febbraio 2014 la Regione Veneto ha affidato il Coordinamento della Rete allo IOV IRCSS.  La ROV si articola in una serie di Poli Oncologici individuati presso gli Ospedali di riferimento provinciale con un bacino d’utenza di 1.000.000 di abitanti. Tra le sue finalità: garantire la sicurezza delle prestazioni al paziente, strettamente correlata all'expertise clinica e ad un'adeguata organizzazione.

“Riteniamo che la nascita della ROV rappresenti l’inizio di un percorso importante per la Regione Veneto” – hanno dichiarato Cristina Oliani e Giorgio Bonciarelli (Presidenti del Congresso) a margine del Congresso. “Si tratta di un modello che può riuscire a garantire a tutti i cittadini del Veneto una uguale e uniforme accessibilità alle migliori cure sanitarie, maggiore tempestività nella presa in carico dei pazienti e una migliore continuità nell’assistenza. La Regione Veneto conosce l'importanza di questa sfida soprattutto in un'epoca di spending review. Se la rete oncologica veneta sarà messa in grado di entrare a regime questo significherà anche possibilità di sensibili risparmi nei costi della sanità regionale. Noi Direttori di UOC di Oncologia siamo sempre più chiamati  alla sfida di gestione delle cure anche attraverso un profilo che risponda alle richieste di managerialità. Cipomo più di altre realtà scientifiche e' avanti in questo senso attraverso lo stretto legame sinergico in ambito formazione con Bocconi, e il Triveneto lo è in particolare considerando come a Udine si sia tenuta l’Academy of Oncology Management il primo corso di questo tipo su tutto il territorio italiano" concludono Bonciarelli e Oliani.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.