IT   EN

Ultimi tweet

Come crescono le piante? Scoperto il meccanismo che coordina lo sviluppo cellulare nei vegetali

È piuttosto intuitivo che l'attività cellulare debba avere una forma di coordinamento durante la crescita degli organi. Per i vegetali lo sviluppo si basa sull’attività dei meristemi; così sono chiamati in botanica i tessuti di cellule indifferenziate che dividendosi danno origine a nuove cellule.

Un nuovo studio coordinato da Sabrina Sabatini del Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin, in collaborazione con l'Università di Pisa, ha dimostrato come si regola il meccanismo di sviluppo e differenziamento delle cellule nei vegetali.

I risultati, pubblicati su Current Biology, hanno rivelato l’esistenza di un unico meccanismo che influisce sull'intera attività: è sufficiente infatti regolare i livelli dell’ormone auxina per coordinare la divisione e il differenziamento di tutti i tessuti e avere così una crescita armonica e coordinata dell’organo.

Era già noto che distruggere cellule specifiche o silenziare un gene del tessuto LRC (Lateral Root Cap) influisce sulla dimensione del meristema. Finora però era ignoto il meccanismo molecolare coinvolto nel processo.

“Osservando la crescita di una radice – spiega Sabrina Sabatini – abbiamo scoperto come essa dipenda dalla posizione della zona di transizione, ossia il confine che separa le cellule differenzianti. Tale posizione può essere regolata manipolando solamente il tessuto della LRC ed è controllata dall’interazione di due ormoni vegetali, le citochinine e l’auxina”.

“Si tratta quindi di una scoperta decisiva – conclude Sabatini – che apre nuovi scenari potenzialmente rivoluzionari nella ricerca sui meccanismi che originano molte malattie genetiche o dei tumori”.

 

Riferimenti:

The Lateral Root Cap Acts as an Auxin Sink that Controls Meristem Size - Di Mambro, R., Svolacchia, N., Ioio, R. D., Pierdonati, E., Salvi, E., Pedrazzini, E., Vitale, A., Perilli, S., Sozzani, R., Benfey P. N., Busch, W., Costantino, P., & Sabatini, S. - Current Biology 2019 
DOI: https://doi.org/10.1016/j.cub.2019.02.022

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.