IT   EN

Ultimi tweet

CARIE E PIORREA TRA LE PRIME MALATTIE AL MONDO, DENTISTI IN PIAZZA PER INSEGNARE A DIFENDERSI

Altro che pressione alta o asma. Pochissimi lo sanno, ma carie e piorrea - l’infiammazione del tessuto che tiene il dente ancorato alle mascelle- sono per diffusione la prima e la sesta malattia al mondo.

La Fédération Dentaire Internationale, organismo che riunisce 500 mila dentisti di più di cento paesi del mondo, statistiche alla mano, da tempo ritiene giunto il momento di sensibilizzare i sistemi sanitari sull’importanza della salute orale. E lo fa attraverso il World Oral Health Day che in Italia traduciamo con “Giornata Mondiale della Promozione della Salute Orale”: un’occasione che ogni anno i dentisti italiani festeggiano il 20 marzo.

Come di consueto anche stavolta Associazione Italiana Odontoiatri schiererà una nutrita rappresentanza dei suoi 7 mila iscritti nelle piazze italiane, per dialogare con i cittadini e far capire alle istituzioni l’importanza di un piano di prevenzione coordinato con tutti i professionisti italiani del dentale. Nutrito il calendario della manifestazione: lunedì 20 marzo sono previsti soprattutto eventi informativi e di educazione sanitaria. I “dentisti in piazza” si vedranno nel week end 18-19 quando saranno coinvolti i principali capoluoghi, da Roma a Catanzaro, dalla Puglia alla Sicilia, dalla Sardegna al Friuli - e a Napoli il 25-26 marzo. E ci sarà un seguito ad aprile…

«Associazione Italiana Odontoiatri da tempo auspica che il Governo dia il patrocinio alla Giornata. Non solo un gesto simbolico. L’obiettivo di mettere la prevenzione “sotto la bandiera” italiana è solo una tappa; tutte le nazioni dovrebbero fare propria l’iniziativa di debellare carie e parodontite insegnando tecniche di “difesa personale”, cioè di prevenzione, a tutti i cittadini» afferma Gerhard Seeberger, Presidente dell’Assemblea Generale FDI e past president AIO. E aggiunge: «Nell’anno della revisione dei livelli essenziali di assistenza un gesto di attenzione del Ministero della Salute italiano al tema della salute e della spesa odontoiatrica delle famiglie italiane sarebbe particolarmente importante. AIO intanto fa la sua parte.

In linea con le indicazioni FDI, sono state organizzate manifestazioni diverse in ogni città. In Trieste, sabato 18 marzo, e in Sardegna domenica 19, i dentisti si recheranno nelle case di riposo a visitare gli anziani e nelle scuole a insegnare linee guida di igiene orale; i soci di AIO Roma martedì 21 marzo terranno lezioni con istruzioni pratiche per gli alunni nelle scuole capitoline; in altre sedi, i soci AIO nel week-end e il lunedì apriranno gli studi ai pazienti per offrire istruzioni di prevenzione».

Anche il week-end successivo ci saranno eventi importanti. Il Presidente AIO Fausto Fiorile ricorda come «a Napoli il 25 i dentisti esporranno la loro attività nel rione Sanità, uno dei più antichi e poveri, cercando di intercettare le condizioni di fasce di popolazione che non vanno dal dentista abitualmente. Ma non è finita. La Giornata della Prevenzione è ogni giorno, in fondo. Così ad aprile, una delegazione AIO Roma si trasferirà nelle aree del Centro Italia appenninico colpite dal tragico terremoto per visitare nelle tendopoli. Poiché dalla salute dei denti si può conoscere con una visita la salute del corpo, AIO rilancerà i programmi di formazione comune con i medici nell’ambito del programma “sentinelle della prevenzione”. E, visto che sta salendo l’allarme sulle infezioni opportuniste da abuso di antibiotici, proporrà un secondo programma di formazione “Alleati contro l’Infezione”, per insegnare la corretta prescrizione di questi farmaci, essenziale anche in odontoiatria».

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.