IT   EN

Ultimi tweet

CAPIRE IL CERVELLO PER CURARLO. PorteAperte@NICO

Sabato 12 maggio per Le Settimane della Scienza i ricercatori del NICO, Istituto di Neuroscienze della Fondazione Cavalieri Ottolenghi – Università di Torino, invitano a visitare i laboratori di ricerca di Orbassano (la palazzina si trova all’interno del complesso dell’Ospedale San Luigi Gonzaga). Un invito aperto a tuttisemplici appassionati e curiosi. Un’occasione per capire come funziona il nostro cervello, che cosa succede quando si ammala o invecchia e, soprattutto, che cosa si può fare per ripararlo.

 

MALATTIE NEURODEGENERATIVE: I NUMERI IN PIEMONTE
Solo inPiemonte sono almeno 75 mila i malati di Alzheimer(a fronte di circa 600 mila in Italia e 50 milioni nel resto del mondo, dati Censis), con stime in crescita a causa dell’invecchiamento progressivo della popolazione. Si tratta di una malattia con un costo medio annuo pari a circa 70.000 € pro-capite in Italia, comprensivo di costi diretti ed indiretti, con devastanti effetti psicologici, emotivi e anche economici sulle famiglie impegnate nell’assistenza ai malati. Sono invece circa 100 inPiemonte i bambini affetti da SMA(1/6000), 700 i malati di SLA(3 ogni 100.000 persone), 4.500 persone colpite da Sclerosi Multipla 4.500 i casi di lesioni spinali.

 

LA RISPOSTANELLARICERCA DI BASE
Sclerosi Multipla, Alzheimer, SLA, Sindrome di Down: la strada per sconfiggere queste e altre malattie del sistema nervoso parte dalla ricerca di base. Perché per riparare il cervello bisogna conoscerlo: i ricercatori del NICO – Università di Torino studiano infatti struttura e funzioni del cervello normale, con l’obiettivo di capire come si ammala e come curarlo. La complessità degli studi sul cervello richiede un approccio multidisciplinare: per questo l’Istituto riunisce una squadra di 20 docenti universitari e 40 giovani ricercatori con esperienze complementari, traendo la sua forza dall’unione della ricerca di base con quella di tipo applicativo e clinico. Un mix efficace di esperienza ed entusiasmo giovanile che nel 2017 ha fruttato oltre 70 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali.

 

 

IL PERCORSO DI VISITA
Il percorso di visita - della durata di circa 3 ore - inizia con la presentazione dell’Istituto a cura del direttore scientifico Prof. Alessandro Vercelli e prosegue con3 stand tematici di presentazione delle linee di ricerca: Capire il cervello dal suo sviluppo(La formazione del cervello nel bene e nel male; Ormoni e cervello; Cure materne e comportamento); Quando il cervello non funziona(Malattie neurodegenerative; Sclerosi multipla; Nervi a pezzi e Invecchiamento); Il sogno di rifarsi un cervello(Cellule staminali cerebrali; Modificazioni dei circuiti cerebrali; Evoluzione: il cervello in animali e uomo). 
Dopo aver scoperto le diverse linee di ricerca gli ospiti sono pronti per la visita dei laboratori: iricercatori illustrano i diversi approcci sperimentali, in particolareil cervello visto al microscopio, ovvero la ricerca di base in diretta. Nel laboratorio di Neurofisiologia si potrà scoprire ad esempio come comunicano i neuroni. Il funzionamento del cervello è basato su segnali elettrici generati e trasmessi dalle cellule nervose ad altre cellule: il loro studio permette di scoprire i deficit funzionali prima che le cellule muoiano.

 

Appuntamento sabato 12 maggio, con orario 9:30-13:00 oppure 14:30-18:00, presso la sede di Orbassano, Regione Gonzole 10(Azienda Ospedaliera San Luigi Gonzaga).
È richiesta la prenotazione per agevolare l’organizzazione delle visite.
Info e prenotazioni su:www.nico.ottolenghi.unito.it

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.