IT   EN

Ultimi tweet

CANNABIS: GRUPPO DI STUDIO ALLO IEO

E’ nato presso l’Istituto Europeo di Oncologia il primo Gruppo Aperto di Studio sulla Cannabis ad uso medico, per fare chiarezza sugli effetti clinici, farmacologici, produttivi e normativi dei farmaci a base di cannabis. 

A sei anni dall’ approvazione all’uso medico in Italia, la cannabis è utilizzata solo da una minima percentuale di pazienti che ne potrebbero trarre beneficio,a causa soprattutto della mancanza di informazione e formazione specifica unitamente ad alcune barriere culturali ancora radicate.  Il gruppo multidisciplinare è composto da Medici, Farmacisti, Farmacologi e Ricercatori italiani particolarmente impegnati nello studio e nell’utilizzo clinico di Cannabis ad uso Medico ed è coordinato da Vittorio Guardamagna, Specialista in Anestesia e Rianimazione, Direttore Divisione Cure Palliative e Terapia del Dolore IEO.

 

“In Italia l’oppiofobia ha storicamente ostacolato lo sviluppo della terapia del doloree soltanto conoscenza, cultura e leggi innovative ne hanno permesso la diffusione e l’utilizzo con grandi benefici per i pazienti – dichiara Guardamagna - La cannabis sta vivendo un momento simile di difficoltà e diffidenza, nella ricerca, conoscenza e utilizzo clinico. Purtroppo ancora non si fa un distinguo chiaro e netto fra uso ludico e uso terapeutico. Per questo nuovi studi sugli effetti clinici dei farmaci a base di Cannabis sono fondamentaliper mettere in evidenza il valore terapeutico di questa sostanza. Vorremmo che tutti pazienti che ne hanno bisogno, abbiano accesso a questi potenti antidolorifici, senza dover peregrinare alla ricerca dei pochi centri in Italia che ne fanno uso. Il diritto a non soffrire è un diritto universale”

Il gruppo ha concordato, come primo atto, di identificare uno strumento idoneo alla raccolta e all’analisi di dati di utilizzo clinico e prescrittivo di Cannabis ad uso Medico attualmente in corso. A ciò verranno affiancati nel tempo percorsi di formazione e divulgazione ai fini di porre il tema Cannabis quale materia in ambito medico in continuo aggiornamento.

 

Fanno parte del Gruppo:

Marco Bertolotto, Direttore S.C. Terapia del Dolore e Cure Palliative Ospedale S. Corona ASL 2 Savona;  Lorenzo Calvi, Specialista Anestesia e Rianimazione, Etnofarmacologia e Fitoterapia; Francesco Crestani, Specialista in Anestesia e Rianimazione USL 5 Rovigo; Claudia Maria Francia  Divisione Cure Palliative e Terapia del Dolore IEO; Gruppo della Prof. Annamaria Giorgi, CRC-Gesdimont dell’ Università degli Studi di Milano; Gianpaolo Grassi, Primo ricercatore CREA-CI Rovigo;  Carlo Grizzetti, Specialista in Anestesia e Rianimazione e Marianna Dara, SSD Cure Palliative e Terapia del Dolore Ospedale di Circolo e Fondazione  Macchi Asst-Settelaghi  di Varese; Annunziata Lombardi, Farmacista Specializzata in Galenica Tradizionale e Clinica, Regione Campania; Livio Luongo, Professore associato di Farmacologia Università della Campania Luigi Vanvitelli; Costantino Jemos, Farmacista Ospedaliero IEO; Sabatino Maione, Professore ordinario di Farmacologia Università della Campania Luigi Vanvitelli; Massimo Nabissi, Professore associato in Scienze delle professione sanitarie e delle tecnologie mediche applicate Università degli Studi di Camerino; Emanuela Omodeo Salè, Direttore di Farmacia Ospedaliera IEO; Federica Pollastro, Ricercatrice in fitochimica presso il Dipartimento Scienze del Farmaco dell’ Università degli Studi del Piemonte Orientale;  Marco Ternelli, Farmacista galenista specializzato in preparazione Galenica di Cannabis, Regione Emilia-Romagna;  Ana Maria Zuñiga Guerrero Divisione Cure Palliative e Terapia del dolore IEO.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.