IT   EN

Ultimi tweet

Campagna «Sicurezza a tavola»: sei pronto a tutto?

La campagna informativa sul tema «Sicurezza a tavola» lancia un nuovo progetto: l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) e diversi partner intendono informare soprattutto i giovani di sesso maschile su quattro regole basilari dell’igiene in cucina. La scelta di questa categoria è dovuta al fatto che essa è la più soggetta alla campilobatteriosi, una malattia batterica gastrointestinale.

I dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica mostrano che specialmente gli uomini di età compresa tra i 18 e i 30 anni sono fortemente colpiti da campilobatteriosi e ciò è sicuramente riconducibile alla mancanza di conoscenze sull’igiene in cucina. La campilobatteriosi è una delle più frequenti malattie diarroiche in Svizzera trasmessa tramite derrate alimentari.

Seguendo quattro semplici regole d’igiene, si possono evitare questa e altre infezioni alimentari così come la trasmissione di germi patogeni resistenti agli antibiotici:

  • cuocere correttamente
  • separare correttamente
  • conservare correttamente
  • lavare correttamente

Seguendo quattro semplici regole d’igiene, si possono evitare questa e altre infezioni alimentari così come la trasmissione di germi patogeni resistenti agli antibiotici:

Lo scopo della campagna «Sicurezza a tavola» è informare il grande pubblico, in particolare gli uomini giovani, sulle quattro regole basilari dell’igiene in cucina. Per attirare meglio l’attenzione della fascia compresa tra i 18 e i 30, la campagna pone il focus sui canali online e sui social media. L’elemento centrale sarà la nuova pagina Internet www.sicurezzaatavola.ch .

La campagna «Sicurezza a tavola» è stata lanciata nel 2016 e dopo il suo avvio il numero di infezioni da campilobatteriosi è lievemente diminuito nel 2017, restando tuttavia elevato nella stagione delle grigliate e durante le festività natalizie. La campagna continua al fine di raggiungere il suo obiettivo: ridurre il numero di casi in modo durevole.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.