IT   EN

Ultimi tweet

Boehringer Ingelheim investira' 11 miliardi di euro in Ricerca & Sviluppo nei prossimi 5 anni

Boehringer Ingelheim ha annunciato una nuova strategia di Ricerca & Sviluppo e un piano quinquennale d’investimenti in Ricerca & Sviluppo.

Nell’arco dei prossimi cinque anni, l’azienda si impegna a investire nel suo nuovo programma di Ricerca & Sviluppo un totale di 11 miliardi di euro, di cui 5 miliardi in Ricerca & Sviluppo preclinici e 1,5 miliardi in collaborazioni con partner esterni. L’azienda punta a sviluppare terapie rivoluzionarie di nuova generazione e mantenere la sua eccellente posizione competitiva. La nuova strategia di Ricerca & Sviluppo abbraccia la cosiddetta “open innovation” con collaborazioni esterne che uniscono al meglio le capacità e l’esperienza di Boehringer Ingelheim e la ricerca in nuovi ambiti emergenti per la scoperta di nuovi farmaci.

“Gli undici nuovi lanci del 2014 e 2015 testimoniano la straordinaria capacità della Ricerca & Sviluppo interna di Boehringer Ingelheim” - ha dichiarato il Professor Andreas Barner, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Boehringer Ingelheim - “La nuova strategia e il nuovo programma riflettono la nostra filosofia aziendale di lungo termine, mirata alla crescita sostenibile e ci consentiranno di continuare la nostra lunga tradizione di successo nel rendere disponibili innovazioni terapeutiche di grande valore per i pazienti”.

 

La nuova strategia di Ricerca & Sviluppo

Elemento centrale della nuova strategia è la maggior focalizzazione su collaborazioni con partner esterni, mantenendo una robusta organizzazione di Ricerca & Sviluppo interna. Questo approccio consentirà all’azienda di sviluppare ulteriormente la propria forza e la lunga esperienza nelle aree terapeutiche core e, al contempo, espanderne i confini, attingendo alla ricchezza di ricerche originali in ambito biomedico a livello internazionale attraverso l’open innovation.

“La nostra nuova strategia abbraccia la tendenza ad adottare approcci di collaborazione più ampia fra il mondo accademico e l’industria nel campo della ricerca biomedica attraverso l’open innovation. I nostri partner potranno beneficiare della nostra vasta esperienza e competenza, oltre a sviluppare rapporti diretti di lungo termine con i nostri team di Ricerca & Sviluppo” - ha spiegato il Dottor Michel Pairet, senior corporate vice president di Ricerca e Sviluppo non-clinico di Boehringer Ingelheim e, a decorrere da gennaio 2016, membro del Board of Managing Directors– “La nuova strategia promuoverà collaborazioni esterne, consentendoci di essere più rapidi e flessibili. Ciò è fondamentale per andare oltre i confini delle nostre attuali aree di focalizzazione, esplorando ambiti emergenti, nuove indicazioni e tecnologie, e cogliere maggiori opportunità”.

 

Collaborazione con partner per tutta la catena di valore di Ricerca & Sviluppo

L’open innovation è diventata una parte fondamentale della scoperta farmaceutica. L’organizzazione di Ricerca & Sviluppo  di Boehringer Ingelheim collabora con la più ampia comunità scientifica per inserire nelle proprie attività una gamma di opportunità innovative.

In primo luogo, lo fa attraverso accordi bilaterali di collaborazione con ricercatori del mondo accademico e aziende biotecnologiche, che offrono importanti punti di partenza per progetti di scoperta farmaceutica. Boehringer Ingelheim ha avviato diverse nuove collaborazioni di ricerca in ambiti scientifici stimolanti con partner che sono leader mondiali nei rispettivi settori.

Ne è un esempio la nuova collaborazione con la University of Texas MD Anderson Cancer Center  che, alle conoscenze di quest’ultima sui fattori potenzialmente coinvolti nel tumore del pancreas, unisce l’esperienza nella scoperta e nello sviluppo farmaceutico di Boehringer Ingelheim.

Sempre oggi l’azienda ha anche annunciato nuove collaborazioni con quattro importanti partner scientifici per arricchire la Ricerca & Sviluppo con nuovi approcci terapeutici per chi soffre di malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI). Si tratta delle collaborazioni con l’Icahn School of Medicine del Mount Sinai, il Massachusetts General Hospital, lo Scripps Research Institute e il Weill Cornell Medicine. Queste quattro collaborazioni sono volte a individuare e convalidare nuovi possibili target terapeutici e biomarcatori per rispondere a importanti bisogni insoddisfatti di terapia per coloro che soffrono di malattie infiammatorie croniche intestinali, quali il  morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa. Boehringer Ingelheim ha, inoltre, da poco stipulato accordi in esclusiva con la coreana Hanmi Pharmaceuticals per lo sviluppo di una terapia mirata anti-EGFR di terza generazione per il tumore polmonare, e con la californiana Circuit Therapeutics per applicare la tecnica dell’optogenetica al fine di individuare nuove terapie per disturbi psichiatrici e malattie cardiometaboliche.

In secondo luogo, lo fa attraverso partnership pubblico-privato, quali lo Structural Genomics Consortium (SGC- consorzio per la genomica strutturale), l’Innovative Medicines  Initiative (IMI) e il G-protein coupled receptor (GPCR) Consortium (consorzio dedicato ai recettori accoppiati a proteine G). Queste partnership rivestono un ruolo sempre più importante nella ricerca farmaceutica per la loro capacità di mettere insieme i migliori ricercatori del mondo accademico e dell’industria in un ampio ambito pre-competitivo. Boehringer Ingelheim partecipa già attivamente a due di queste partnership pubblico-privato di successo e recentemente ha aderito anche al Consorzio GPCR.

In terzo luogo, lo fa attraverso iniziative di crowdsourcing con organizzazioni quali InnoCentive e BioMed X InnovationCenter al fine di trovare ricercatori con idee brillanti, per affrontare sfide mediche rilevanti. Boehringer Ingelheim e BioMed X Innovation Center hanno recentemente annunciato che stanno accogliendo in un centro d’eccellenza accademico a Heidelberg, eminenti ricercatori a cui forniranno opportune infrastrutture e una mentorship  per lavorare su nuovi approcci epigenetici alla broncopneumopatia cronica ostruttiva.

Inoltre, Boehringer Ingelheim investe nell’Istituto di Patologia Molecolare di Vienna, per sostenere la ricerca di base e una rete internazionale di ricercatori, elementi essenziali per lo sviluppo di ricerche originali. Infine, il venture capitalfund di Boehringer Ingelheim, istituito nel 2010, con un impegno iniziale di capitale di 100 milioni di euro, attualmente investe in un portafoglio di 13 start-up diverse che lavorano su nuovi approcci per lo sviluppo di possibili terapie future.

La nuova strategia di Ricerca & Sviluppo è un tassello importante nella strategia internazionale di Boehringer Ingelheim, per essere pronti ad affrontare le sfide e a cogliere le opportunità che si presentano nel mercato farmaceutico. “Questo è un altro passo decisivo per la crescita di lungo termine di Boehringer Ingelheim” - ha dichiarato il Professor Barner - “Siamo pronti ad affrontare le sfide irrisolte nell’ambito dell’ immunologia, delle malattie respiratorie e cardiometaboliche, oltre che in oncologia e nelle malattie del sistema nervoso centrale ”.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.