IT   EN

Ultimi tweet

Bocciata la cassa malati pubblica in Svizzera. Il 65,27% sceglie il voto elettronico

 

Gli Svizzeri dicono 'No' all'iniziativa popolare 'Per una cassa malata pubblica' con il 61,9% di voti contriari. A favore invece i cantoni romandi.

A livello nazionale la partecipazione è stata del 47,16%. In totale, l'iniziativa è stata bocciata da1'512'116 votanti e approvata da 932'761.

Nel Giura e nel canton Neuchâtel i "sì" hanno vinto rispettivamente con il 63% e il 59,6% dei voti. L'iniziativa è andata bene anche a Ginevra (57,4% di favorevoli) e nel canton Vaud (56,2%). A Friburgo il "NO" si è attestato al 50,3%.

In Ticino l'inizitiva è stata bocciata con il 55.63%

Dei circa 170 000 cittadini che avrebbero potuto votare via Internet, 25 886 si sono effettivamente avvalsi di questa possibilità. Nei 12 Cantoni che hanno partecipato alle prove di voto elettronico, fino al 65.27% dei votanti ammessi si sono serviti del nuovo canale di voto. Questa cifra conferma l'evoluzione positiva riscontrata in occasione degli ultimi scrutini. Il canale elettronico gode di un elevato livello di accettazione presso gli Svizzeri residenti all'estero e nel corso degli anni si è affermato come canale di voto complementare.
Come in occasione delle ultime prove, i Cantoni di Ginevra e Neuchâtel, oltre agli Svizzeri residenti all'estero iscritti nei loro cataloghi elettorali hanno ammesso alla prova anche aventi diritto di voto svizzeri residenti nei loro Cantoni. Gli altri Cantoni (Berna, Lucerna, Friburgo, Soletta, Basilea Città, Sciaffusa, San Gallo, Grigioni, Argovia e Turgovia) hanno effettuato le prove soltanto con gli Svizzeri all'estero.
I circa 170 000 aventi diritto di voto ammessi alla prova corrispondono al 3% dell'elettorato svizzero nel suo complesso.

Contesto

Chi abita in Svizzera deve concludere un'assicurazione contro le malattie, detta anche assicurazione di base1. Da parte loro le casse malati sono tenute ad affiliarvi chiunque lo chieda. Attualmente le casse malati organizzate secondo il diritto privato che offrono questo tipo di assicurazione sono 61 e sono in concorrenza tra loro.

Che cosa chiede l'iniziativa?

L'iniziativa popolare «Per una cassa malati pubblica» vuole modificare il sistema attuale e chiede che l'assicurazione sociale malattie sia esercitata per tutti gli assicurati da un'unica cassa nazionale di diritto pubblico. Questa cassa malati pubblica disporrebbe di agenzie cantonali o intercantonali che avrebbero in primo luogo il compito di determinare i premi per la rispettiva regione e di rimborsare le prestazioni, in particolare le cure mediche, i farmaci e le degenze ospedaliere.

Posizione del Consiglio federale e del Parlamento

Il Consiglio federale e il Parlamento respingono l'iniziativa: un'unica cassa pubblica non permetterebbe più agli assicurati di scegliere liberamente tra varie casse malati né di cambiare compagnia assicurativa. Il regime di concorrenza verrebbe eliminato nonostante l'attuale sistema abbia dato nel complesso buoni risultati. Un cambiamento radicale comporterebbe inoltre insicurezze e costi difficilmente quantificabili.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.