IT   EN

Ultimi tweet

Batteri intestinali in tilt con i dolcificanti a basso contenuto calorico e alterata regolazione del glucosio #EASD2018


 
Una nuova ricerca presentata alla riunione annuale di quest'anno dell'Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), rivela che il consumo di edulcoranti a basso contenuto calorico (LCS) può modificare i tipi di batteri presenti nell'intestino, in associazione con la regolazione alterata dei livelli di glucosio.
 
La ricerca è stata condotta dal professore associato Richard Young e dai colleghi della Adelaide Medical School e dal Centro di eccellenza della ricerca nella traduzione di scienze nutrizionali in buona salute dell'Università di Adelaide, in Australia, insieme ai ricercatori del South Australia Health & Medical Research Institute, Adelaide, e Flinders University South Australia. Lo studio ha esaminato gli effetti della LCS sui microbi intestinali e su come il corpo assorbe e regola il glucosio.
 
Precedenti studi sulle origini della malattia indicano che un'assunzione regolare di bevande addolcite con LCS è correlata ad un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 (T2D), ma il meccanismo sottostante di come ciò accade è sconosciuto. Gli autori hanno recentemente dimostrato che l'aggiunta di LCS alla dieta di soggetti sani non diabetici per due settimane è stata sufficiente a causare un aumento clinicamente rilevante del modo in cui i loro corpi hanno risposto al consumo di glucosio. Non è chiaro, tuttavia, se la disbiosi intestinale (un cambiamento nell'equilibrio dei batteri) contribuisca anche alle anormalità osservate nei livelli di glucosio nel sangue, come è stato osservato negli studi sui roditori.
 
Un gruppo di 29 soggetti non diabetici con un'età media di 30 anni e un indice di massa corporea medio di 24 kg / m2 sono stati reclutati per lo studio. Quindici partecipanti sono stati randomizzati a consumare un placebo, mentre 14 hanno consumato una combinazione LCS (92 mg di sucralosio e 52 mg di acesulfame-K) equivalente a bere circa 1,5 litri di bevande dietetiche al giorno. La dose è stata somministrata sotto forma di capsule che sono state assunte 3 volte al giorno per un periodo di 2 settimane. I campioni di feci sono stati prelevati prima e dopo il trattamento con LCS per determinare i tipi e le specie di microrganismi presenti.
 
Lo studio ha scoperto che gli individui trattati con LCS esibivano una maggiore variazione nei tipi di microbi presenti nelle loro feci insieme a una significativa riduzione del batterio Eubacterium cylindroides associato alla buona salute. Anche le popolazioni di specie batteriche benefiche che aiutano a fermentare il cibo sono diminuite, mentre c'è stata una crescita dell'abbondanza di 11 batteri intestinali opportunisti.
 
Inoltre, il team ha osservato una diminuzione della popolazione di batteri di Butyrivibrio che è stata correlata con una diminuzione del rilascio dell'ormone GLP-1, che aiuta a controllare i livelli di glucosio nel sangue. Infine, ci sono stati cambiamenti nell'abbondanza di geni microbici coinvolti nel metabolismo degli zuccheri semplici come il saccarosio e il glucosio.
 
Gli autori affermano: "In soggetti sani non diabetici, due settimane di integrazione di dolcificanti a basso contenuto calorico sono state sufficienti a distruggere i batteri intestinali e ad aumentare l'abbondanza di quelli che normalmente sono assenti in individui sani. i percorsi utilizzati dai batteri per raccogliere energia hanno previsto un deterioramento della capacità del corpo di regolare il glucosio ".
 
Concludono: "I nostri risultati supportano il concetto che tali dolcificanti peggiorino il controllo della glicemia nei soggetti sani interrompendo la regolazione dell'assorbimento e dello smaltimento del glucosio, nonché dai cambiamenti nell'equilibrio dei batteri intestinali. schemi di dolcificanti calorici per il controllo generale della glicemia. "

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.