IT   EN

Ultimi tweet

BAMBINO GESU’, NASCE IL CENTRO CLINICO-CHIRURGICO DI ITIGI IN TANZANIA

Un Centro clinico chirurgico altamente specializzato per la cura di bambini e adolescenti delle regioni occidentali della Tanzania: è il Centro clinico-chirurgico Bambino Gesù di Itigi, struttura sanitaria gestita in collaborazione dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e dalla Congregazione dei Padri del Preziosissimo Sangue. Attivo dal gennaio 2013, verrà inaugurato ufficialmente domani, venerdì 7 febbraio 2014, alla presenza del presidente del Bambino Gesù, Giuseppe Profiti e Sua Eminenza Reverendissima Cardinal Polycarp Pengo, Arcivescovo di Dar Es Salaam.

 

Nato all’interno dell’Ospedale Saint Gaspare di Itigi (sottoposto a una consistente ristrutturazione), il Centro clinico-chirurgico è composto da un blocco operatorio, dagli ambulatori di odontoiatria, otorino e oculistica, dalla terapia intensiva e da un reparto di pediatria con 95 posti letto. Dall’inizio delle attività ad oggi sono stati sono stati ricoverati e curati oltre 4000 bambini.

Nel corso della cerimonia di inaugurazione, che partirà con la celebrazione della Santa Messa e con la benedizione del Centro, verranno coinvolti anche i piccoli pazienti della struttura ospedaliera.

Impegnato sin dal 2005 con progetti di cooperazione in varie aree dell’Africa Orientale, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù realizza programmi di formazione per personale medico e infermieristico locale dando anche vita a centri specializzati che garantiscono cure e assistenza ai bambini delle regioni più remote e problematiche del continente.

 

La cura dei più deboli e indifesi, primi tra tutti i bambini – sottolinea il presidente Giuseppe Profiti-, è la missione specifica dell’Ospedale Pediatrico in Italia, ma non solo: da anni infatti le Attività Internazionali sono parte integrante del Bambino Gesù. Con il Centro clinico-chirurgico di Itigi abbiamo compiuto un ulteriore importante passo verso l’obiettivo finale: raggiungere tutti i bambini e i ragazzi dei cinque continenti bisognosi delle nostre cure e dell’expertise dei nostri professionisti”.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.