IT   EN

Ultimi tweet

Assicurazione malattia: modifica compensazione dei rischi in Svizzera

 

In futuro, la compensazione dei rischi praticata nell'ambito dell'assicurazione di base terrà conto anche dei costi elevati dei medicamenti. Il Consiglio federale porrà in vigore il 1° gennaio 2015 una modifica in tal senso dell'ordinanza sulla compensazione dei rischi nell'assicurazione malattie.

Con questa novità anche il settore ambulatoriale sarà interessato dalla compensazione dei rischi e l'incentivo a scegliere assicurati a basso rischio sarà ulteriormente ridotto.

Attualmente la compensazione dei rischi tiene conto dell'età, del sesso e della degenza di almeno tre notti consecutive in un ospedale o in una casa di cura durante l'anno precedente. Con la modifica della relativa ordinanza, questo sistema di compensazione includerà anche i costi dei medicamenti di un assicurato superiori a 5000 franchi. Entreranno in linea di conto tutti i medicamenti i cui costi sono rimborsati dall'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS, assicurazione di base) e che non rientrano in un sistema di fatturazione forfettaria (p. es. forfait per caso nel settore ospedaliero stazionario).

Con questo nuovo disciplinamento sono riconosciuti anche gli assicurati che rappresentano un rischio di malattia elevato e che sono curati solo in regime ambulatoriale. In tal modo, gli assicuratori saranno meno incentivati a selezionare i buoni rischi. La revisione dell'ordinanza entrerà in vigore nel 2017. Tuttavia, gli assicuratori malattie dovranno raccogliere i dati relativi già a partire dal 2015. In una fase successiva, il Consiglio federale affinerà questo criterio e sostituirà i costi dei singoli medicamenti con gruppi di costo farmaceutico.

Compensazione dei rischi
Agli assicuratori è vietato fissare i premi in funzione dei rischi, una pratica che incentiva a operare una selezione dei rischi. Per questa ragione nel 1996, contemporaneamente all'entrata in vigore della legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal), è stata introdotta la compensazione dei rischi. Lo scopo di questo sistema è di compensare in parte le grandi differenze dei costi che gli assicuratori devono sostenere a seconda della struttura dell'effettivo dei loro assicurati. Nel 1996, si era dapprima tenuto conto dei criteri dell'età e del sesso. In seguito, nel 2012, nella compensazione dei rischi è stato incluso anche il criterio della degenza di almeno tre notti consecutive in un ospedale o in una casa di cura durante l’anno precedente.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.