IT   EN

Ultimi tweet

Assicurazione invalidita': nuove regole per la formazione professionale in Svizzera

Con effetto immediato, l’assicurazione invalidità accorderà le formazioni professionali a bassa soglia per i giovani assicurati disabili in linea generale per una durata di due anni, adeguando così la sua prassi a una recente decisione del Tribunale federale.

Finora l’AI concedeva di regola una formazione di un anno, che veniva prolungata di un ulteriore anno in caso di buone prospettive di capacità al guadagno nel mercato del lavoro primario.

La lettera circolare AI n. 299 «Avviamento professionale AI/formazione pratica INSOS», rivolta agli uffici AI, stabiliva le modalità di concessione delle prime formazioni professionali a bassa soglia ai giovani assicurati disabili. Queste formazioni, che non sono soggette alla legge federale sulla formazione professionale (LFPr), preparano gli assicurati a un lavoro ausiliario o a un'attività in un laboratorio protetto. Di regola, la loro durata è di due anni. Dato che in molti casi al termine dei due anni l’integrazione degli assicurati nel mercato del lavoro non raggiunge un livello che influisce sull’ammontare della rendita, l’AI aveva deciso di accordare queste formazioni dapprima per un anno e di fare un bilancio verso la fine del primo anno di formazione per decidere se il giovane avesse buone prospettive di capacità al guadagno nel mercato del lavoro primario. Se l’andamento della formazione fino a quel momento confermava tali prospettive, l’AI accordava anche il secondo anno di formazione.

Questa prassi era contestata da diverso tempo. Nel settembre del 2015 una perizia giuridica era giunta alla conclusione che la legge federale sull’assicurazione per l’invalidità non offre un fondamento sufficiente per la lettera circolare 299. Con la sua attesa sentenza, il Tribunale federale ha ora chiarito definitivamente la questione, giungendo alla medesima conclusione della perizia giuridica (sentenza 9C_837/2015).

Di conseguenza, l’UFAS ha deciso di sopprimere con effetto immediato la lettera circolare in questione. Questo significa che, nei casi in corso e nei nuovi casi, per gli avviamenti professionali dell’AI e le formazioni pratiche INSOS si presupporrà di regola una durata di due anni. Le condizioni di diritto verranno esaminate caso per caso conformemente alle considerazioni formulate nella sentenza.

Gli assicurati che dall’entrata in vigore della lettera circolare (fine maggio 2011) si sono visti rifiutare la concessione di una formazione a bassa soglia di due anni (casi chiusi) potranno rivolgersi nuovamente all’ufficio AI, chiedendo che il loro diritto venga riesaminato.

L’Ufficio federale delle assicurazioni sociali prevede di proseguire l’attuale dialogo sulle prime formazioni professionali con le organizzazioni dei disabili. 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.