IT   EN

Ultimi tweet

Approccio olistico per l' educazione sessuale in Svizzera

Le basi scientifiche e professionali in materia di educazione sessuale in Svizzera sono solide, riconosciute sul piano internazionale e approvate dalla grande maggioranza degli esperti.

Permettono di avere un approccio adeguato per sostenere i bambini e gli adolescenti durante il loro sviluppo. È la conclusione cui giunge un rapporto adottato dal Consiglio federale nella seduta del 21 febbraio 2018, in adempimento del postulato Regazzi (14.4115).

Il rapporto del Consiglio federale si fonda sui lavori di un gruppo di esperti indipendenti. Quest’ultimo dimostra che le teorie relative allo sviluppo psicosessuale dei bambini e degli adolescenti, cui si riferisce la fondazione SALUTE SESSUALE Svizzera, godono di un ampio sostegno da parte dei professionisti. Queste basi scientifiche costituiscono anche un riferimento importante per l’elaborazione dei contenuti dei corsi di educazione sessuale.

L’approccio adottato in Svizzera, consistente in un’educazione sessuale olistica, è considerato come il più pertinente. Invece di focalizzarsi unicamente sulla prevenzione dei rischi, esso include anche la promozione di uno sviluppo sessuale sano. Considera che la sessualità non è solamente una questione biologica e tiene conto delle sue componenti psicologiche, sociali, cognitive, affettive, sensuali, culturali e morali.

Inoltre, dai diversi indicatori disponibili in materia di salute sessuale tra i giovani emerge che nel confronto internazionale la Svizzera ottiene buoni risultati. La frequenza delle gravidanze tra le adolescenti nonché il tasso di aborti nell’età compresa tra i 15 e 19 anni sono tra i più bassi al mondo.

Pertanto, nel suo rapporto il Consiglio federale constata che la fondazione SALUTE SESSUALE Svizzera è un attore che contribuisce validamente a incoraggiare e sostenere l'educazione sessuale. Peraltro, il Consiglio federale vede confermato il suo approccio secondo cui l'educazione sessuale dovrebbe iniziare nella famiglia e proseguire a scuola a scopo di prevenzione e per garantire le pari opportunità. Infatti, a seconda dell'ambiente familiare, non tutti i bambini hanno la possibilità di accedere alle informazioni importanti in materia di educazione sessuale.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.