IT   EN

Ultimi tweet

Angioplastica coronarica: "Radial Lounge" al Cardiocentro Ticino

Quando a causa di uno o più restringimenti delle arterie l’afflusso di sangue verso le arterie coronarie risulta insufficiente ad assicurare il corretto funzionamento del cuore, i cardiologi optano, se possibile, per un intervento non chirurgico noto come angioplastica coronarica.

Introducendo un catetere attraverso un’arteria periferica (tradizionalmente l’arteria femorale, a cui si accede tramite un piccolo taglio a livello dell’inguine) i medici sono in grado di raggiungere il cuore e dilatare l’arteria occlusa mediante uno speciale palloncino, ristabilendo così il normale afflusso di sangue. In genere, per stabilizzare il risultato della dilatazione, l’intervento si conclude introducendo tramite lo stesso catetere una microscopica reticella tubolare metallica detta “stent” che una volta posizionata previene il riformarsi della stenosi. 

 

Ogni anno al Cardiocentro Ticino, vengono eseguite più di 1800 procedure di questo tipo che prevedono normalmente un ricovero monitorato di almeno 24 ore. Negli ultimi anni si è fatto tuttavia strada un nuovo approccio di intervento coronarico detto “radiale”. Esso si differenzia per il punto di accesso dal quale viene inserito il catetere per la dilatazione coronarica, che anziché dall’inguine viene introdotto a livello del polso. I vantaggi di questo approccio nei casi non complessi sono molteplici. La recente letteratura scientifica ha infatti evidenziato come i sanguinamenti della ferita nel punto di accesso siano meno frequenti così come anche le complicazioni cliniche, con evidente guadagno di comfort da parte del paziente nella fase di degenza immediatamente successiva all’intervento, una fase che così può accorciarsi anche di diverse ore.

 

In considerazione delle potenzialità e dei vantaggi offerti dall’approccio radiale, il Cardiocentro Ticino ha scelto di realizzare uno spazio denominato “Radial Lounge” espressamente dedicato ai pazienti che vengono sottoposti a questo particolare tipo di intervento. Questa struttura sostituisce la tradizionale camera di degenza, accogliendo il paziente in un ambiente innovativo, moderno e multimediale. L’obiettivo è quello di diminuire al massimo il carico di stress avvertito dal paziente durante la sua breve degenza, un obiettivo che viene raggiunto eliminando prima di tutto il letto, che viene sostituito da comode poltrone relax dotate di numerosi confort (TV, internet, giornali, servizio bar, ecc.). Questo spazio, in cui la privacy dei pazienti è comunque garantita grazie a speciali paratie che rendono ciascuna delle sei postazioni una “nicchia” a sé stante, offre anche un piccolo salotto a disposizione di chi avesse voglia di interagire con altri pazienti, favorendo un clima disteso e conviviale. Elemento irrinunciabile dell’intero progetto è tuttavia la sicurezza del paziente che per quanto libero di muoversi nella Lounge è costantemente monitorato da un sistema di telemetria che consente la tracciabilità di tutti i parametri clinici. Ogni poltrona è inoltre dotata di tutti i supporti medicali necessari in caso di emergenza.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.