IT   EN

Ultimi tweet

ALLEVARE ASINI: DAL LATTE ALL' ONOTERAPIA ALLA COSMESI. FIERACAVALLI A VERONA

Alla 116ª edizione di Fieracavalli anche l’asino è fra i protagonisti della rassegna internazionale di Veronafiere. Allevare gli asini consente di diversificare la remunerazione, in un’ottica di multifunzione dell’azienda agricola.

«A trainare il reddito è la vendita del latte», racconta Rosario Leggio, 48 anni, allevatore con una stalla di 160 asini ragusani in Sicilia fondata nel 1989 e protagonista in questi giorni di Fieracavalli della mungitura in pubblico, nello stand dell’Ass ociazione italiana allevatori (padiglione 10).

«La produzione di latte si aggira intorno ai due litri per capo al giorno e viene venduto nel nostro spazio in a zienda a un prezzo di 10 - 12 euro al litro, ma in alcune zone d’Italia si arriva anche a 15 euro», dice Leggio. Nel maxi allevamento di Quattro Castella (Reggio Emilia), il produttore Giuseppe Borghi alleva 800 asini e produce anche latte liofilizzato, che riesce a vendere anche a 33 euro al chilogrammo. Collaterale, la vendita del latte per la cosmesi, che ha un costo inferiore di circa il 50 per cento rispetto all’uso alimentare, mentre altre attività incrementano l’attività delle aziende che allevano asini.

Dall’onoterapia alla vendita di genetica e di animali per la riproduzione, alla fattoria didattica o all’agriturismo. «Prima allevavo cavalli , poi sono passato agli asini, che sono completamente diversi – spiega Leggio – . Sono soddisfatto del cambio, ma credo che se non ci fosse la possibilità di produrre e vendere il latte, ideale per chi ha problemi di intolleranza al latte vaccino, sarebbe tutto più complicato». In base ai dati dell’Associazione italiana allevatori, sono quasi 70mila gli asini iscritt i all’Anagrafe in Italia, mentre i numeri di cavalli, asini, muli, bardotti, zebre, zebralli e zebrasini sono quasi 539mila. Sono invece meno di 8.500 gli asini iscritti ai Registri, sezioni specifiche che annoverano le razze a rischio di estinzione, per l e quali vengono adottati degli specifici piani riproduttivi, al fine di evitarne l’estinzione. Le razze sotto tutela sono quelle dell’asino Romagnolo, Pantesco, Amiata, Ragusano, Sardo, Asinara, Martina Franca e Viterbese. Allevatori più giovani. Rispetto a chi alleva altre specie di animali, da i bovini al suini, l’età media dei produttori è inferiore. Contro un’età media di 65 anni degli allevatori italiani, fra i p iù anziani d’Europa, chi alleva cavalli vanta un’età media al di sotto dei 60 anni. Mentre chi sceglie di avvicinarsi al mondo degli asini , mediamente si colloca al di sotto dei 50 anni.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.