IT   EN

Ultimi tweet

Allergia Ambrosia colpisce 7% della popolazione in Lombardia

Ambrosia

"Visto che siamo una delle zone più colpite in Europa, ritengo che questo problema possa essere oggetto di attenzione nella fase di studio e di definizione della nuova riforma sanitaria regionale".

Il vice presidente e assessore alla Salute, Mario Mantovani, è intervenuto con queste dichiarazioni alla giornata dedicata allo studio e alla lotta contro l'ambrosia, il cui polline colpisce persone di qualunque età soggette alle specifiche allergie.

 

ASL PIU'COLPITA - "Allergia all'Ambrosia: 15 anni di Prevenzione" è stato il tema centrale della giornata di studio che l'Asl Milano 1 ha organizzato, con la partecipazione di studiosi di numerose nazioni europee, nella sala congressi del Collegio dei Padri Oblati di Rho. L'assessore ha ricordato che circa il 7 per cento della popolazione lombarda annualmente, da luglio a settembre, rimane colpita da fenomeni di allergia causati proprio dall'Ambrosia e che "la spesa farmaceutica ascrivibile alla rinite allergica, in quel periodo dell'anno, aumenta del 300 per cento rispetto al consumo medio mensile ".

 

GRAZIE AGLI AGRICOLTORI - Dopo aver ringraziato quanti da anni sono impegnati nello studio di rimedi per fronteggiare il fenomeno, l'assessore alla Salute ha rivolto l'attenzione anche agli amministratori locali e alle organizzazioni degli agricoltori che sono sempre in prima linea nella vigilanza dei territori in cui si manifesta la presenza di Ambrosia. "Se questo appuntamento è oggi qui, nel territorio dell'Asl Milano 1, c'è una ragione chiara" ha detto il vice Presidente.

 

MAGENTA LA PIU' COLPITA - "A Sondrio - ha ricordato l'assessore - la concentrazione di polline di Ambrosia in un metro cubo è pari a 6, a Milano a 148, a Legnano a 194, a Busto Arsizio a 343 e a Magenta si registra addirittura una concentrazione di polline pari a 413 per metro cubo". E' da 15 anni, prima in Europa, che la Regione Lombardia è impegnata su questo fronte portando avanti tutte le soluzioni possibili per arginare e tentare di debellare il fenomeno che crea non pochi disagi ai cittadini.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.