IT   EN

Ultimi tweet

Alla scoperta dei geni di Nemo

IL PESCE PAGLIACCIO ARANCIONE ( AMPHIPRION PERCULA ) È UNA DELLE SPECIE PIÙ IMPORTANTI PER LO STUDIO DELL'ECOLOGIA E DELL'EVOLUZIONE DEI PESCI DELLA BARRIERA CORALLINA.

CREDITO: TANE SINCLAIR-TAYLOR

Un team internazionale di ricercatori ha mappato il genoma di Nemo, fornendo alla comunità scientifica una risorsa inestimabile per decodificare la risposta dei pesci ai cambiamenti ambientali, compresi i cambiamenti climatici.

In uno studio condotto dalla King Abdullah University of Science and Technology (KAUST) e dal Centro di eccellenza ARC per Coral Reef Studies (Coral CoE), i ricercatori hanno utilizzato strumenti di sequenziamento ad alta tecnologia, per creare una delle mappe genetiche più complete del pesce pagliaccio arancione, un abitante della barriera corallina e protagonista del film Disney, 'Alla ricerca di Nemo'.

"Questo genoma fornisce un progetto essenziale per comprendere ogni aspetto della biologia dei pesci della barriera- spiega il dott. Robert Lehmann di KAUST (Arabia Saudita), autore principale dello studio -Contiene 26.597 geni codificanti proteine ??e, come il più grande puzzle del mondo, ci sono voluti pazienza e tempo per assemblare".

Il pesce pagliaccio arancione, Amphiprion percula, non è solo il pesce di barriera più riconosciuto sulla Terra, ma anche uno dei più studiati.

"Questa specie è stata fondamentale per la ricerca innovativa negli aspetti ecologici, ambientali ed evolutivi dei pesci della barriera corallina", aggiunge il co-autore Philip Munday di Coral CoE presso la James Cook University in Australia.

"Ad esempio -prosegue lo scienziato- il pesce pagliaccio è un modello per studiare il cambio di sesso nei pesci e ci ha aiutato a capire i pattern di dispersione larvale nei pesci della barriera corallina ed è la prima specie ittica per la quale è stato dimostrato che il comportamento di evitamento dei predatori potrebbe essere compromesso dall'acidificazione dell'oceano ".

Il team ha utilizzato la tecnologia più avanzata per sequenziare il genoma del pesce pagliaccio. I loro dati genomici e trascrittomici sono ora disponibili tramite il database Nemo Genome DB all'indirizzo http://nemogenome.org .

"Il pesce pagliaccio comprende circa 939 milioni di nucleotidi, che devono incastrarsi nel modo giusto", afferma il coautore Timothy Ravasi di KAUST.

"Questa è una risorsa estremamente preziosa per la comunità di ricerca e stabilirà ulteriormente il pesce pagliaccio arancione come un 'laboratorio' ideale per gli studi genetici e genomici".

"Questo è uno dei genomi dei pesci più completi mai prodotti- conclude il co-autore Professor David Miller di Coral CoE alla James Cook University -L'utilizzo della singola molecola PacBio, la tecnologia di sequenziamento in tempo reale, ci ha permesso di ottenere un risultato eccellente."

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.