IT   EN

Ultimi tweet

Alcol in cifre: nel 2015 il consumo medio di alcol è rimasto invariato in Svizzera

Tra il 2014 e il 2015 il consumo di alcol in Svizzera è rimasto invariato a 8,1 litri di alcol puro pro capite. Circa la metà è consumata sotto forma di vino (3,9 l di alcol puro). In termini quantitativi, la birra resta la bevanda alcolica più bevuta in Svizzera (55,8 l effettivi pro capite).

Tra il 2014 e il 2015 non sono state registrate variazioni significative del consumo di alcol in Svizzera. Il consumo di birra (55,8 l effettivi), di bevande spiritose (3,7 l effettivi) e di sidro (1,7 l effettivi) è stato identico a quello del 2014, mentre il consumo di vino è leggermente aumentato (35,3 l effettivi rispetto ai 35,1 del 2014). Le quantità espresse in litri di alcol puro (a un tenore alcolico del 100 % del volume) a fini di paragone sono invariate. Gli 8,1 litri di alcol puro consumati pro capite in Svizzera nel 2015 sono ripartiti come segue: 3,9 per il vino, 2,7 per la birra, 1,5 per le bevande spiritose e 0,1 per il sidro. 

Per il calcolo del consumo di alcol in Svizzera nel 2015, le stime delle quantità di bevande alcoliche importate in franchigia d’imposta con il traffico turistico sono state aggiornate. È stata effettuata un’estrapolazione sulla base delle cifre pubblicate nel 2015 nel quadro dello studio Monitoraggio svizzero delle dipendenze, il più recente in materia. Con 135 976 ettolitri, le stime delle quantità di vino importate in tal modo sono raddoppiate rispetto alle stime precedenti, mentre quelle delle bevande spiritose sono state corrette al rialzo del 25 per cento e raggiungono i 18 934 ettolitri di alcol puro. Per la prima volta sono state fatte delle stime anche per l’importazione di birra nel quadro del traffico turistico: i 40 323 ettolitri importati in franchigia d’imposta rappresentano meno dell’1 per cento del consumo totale di questo tipo di bevanda alcolica nel 2015.

Alcol in cifre

Le cifre menzionate nel presente comunicato stampa sono riprese dall’opuscolo «Alcol in cifre», in cui la Regìa federale degli alcool propone annualmente una panoramica delle principali statistiche riguardanti la produzione, l’importazione, l’esportazione e il consumo di alcol. L’opuscolo fornisce inoltre indicazioni sul mercato dell’etanolo, sulle aliquote d’imposta applicate in Europa e sui settori specifici di attività della RFA.

 

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.