IT   EN

Ultimi tweet

Al climatologo Thomas Stocker il premio svizzero della scienza Marcel Benoist 2017

Thomas Stocker, professore dell’Università di Berna, è stato insignito del premio svizzero della scienza Marcel Benoist 2017. Grazie a diverse modellazioni e carotaggi di ghiaccio, il climatologo è riuscito a dimostrare i cambiamenti climatici e a mostrarne le conseguenze.

Conformemente all’obiettivo della fondazione, i suoi risultati scientifici hanno un’importanza sostanziale per la vita umana e riguardano una delle principali sfide che incombono sulle società moderne. Il Consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann, presidente della Fondazione Marcel Benoist, ha ricevuto oggi a Berna il professor Thomas Stocker e si è congratulato con lui per questo prestigioso riconoscimento. La premiazione avrà luogo il 1° novembre a Berna.

Il professor Thomas Stocker è uno dei principali protagonisti della ricerca climatologica a livello nazionale e internazionale. All’inizio della sua carriera di ricercatore, sul finire degli anni 80, l’attenzione era tutta rivolta alle modellizzazioni teoriche. Più tardi il professor Stocker le ha messe in relazione ai risultati provenienti da diversi archivi sul clima. In questo modo ha scoperto che esiste uno stretto legame tra i cambiamenti delle correnti oceaniche e il clima. I carotaggi di ghiaccio effettuati dal suo team e dai suoi colleghi in Groenlandia e nell’Antartide consentono di risalire alle concentrazioni di gas serra degli ultimi 800 000 anni.

Le ricerche svolte dal professor Stocker contribuiscono in maniera sostanziale ad afferrare meglio la complessità del sistema climatico mondiale e gli imminenti cambiamenti ambientali. Autore e co-autore di oltre 200 articoli scientifici, Stocker è uno dei climatologi più citati in Svizzera. Per i suoi lavori ha già ottenuto diversi riconoscimenti.

Thomas Stocker sa presentare e spiegare le problematiche del suo campo specifico e i risultati delle sue ricerche non soltanto alla comunità scientifica, ma anche ai decisori politici e al vasto pubblico. Le nuove scoperte scientifiche godono di un’ampia popolarità. Negli ambienti accademici il professor Stocker è anche un abile intermediario e mentore. Nel corso degli anni ha trasmesso il suo bagaglio di conoscenze a una moltitudine di studenti e ricercatori, alcuni dei quali occupano ora una cattedra universitaria in Svizzera o all’estero.

Thomas Stocker, nato nel 1959, è cittadino svizzero. Dopo aver ha conseguito il suo titolo di dottorato al PFZ nel 1987 ha svolto ricerche a Londra, Montreal e New York. Dal 1993 è a capo del dipartimento di fisica climatica e ambientale dell’istituto di fisica dell’Università di Berna. Dal 2008 al 2015 Stocker è stato co-presidente del gruppo di lavoro I dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite. Il rapporto approvato sotto la sua presidenza da tutti i Paesi nel settembre 2013, costituisce la base scientifica dell’Accordo di Parigi sul clima.

Attualmente il Consiglio di fondazione sta creando una solida base per la quasi centenaria fondazione Marcel Benoist. Il premio svizzero della scienza Marcel Benoist dispone per la prima volta di un montepremi di 250 000 franchi. La cerimonia di consegna del premio si terrà il 1° novembre 2017 a Berna. In tale data il Consiglio di fondazione coglierà l’occasione per informare sul futuro posizionamento di questo prestigioso premio svizzero della scienza.

Il premio Marcel Benoist, attribuito ogni anno dal 1920 a scienziati residenti in Svizzera, è un ambìto riconoscimento per il prezioso lavoro che svolgono e per il contributo delle loro ricerche alla vita umana. Finora, nella storia quasi centenaria di questo premio, dieci vincitori hanno in seguito ottenuto il premio Nobel. Nel Consiglio di fondazione sono rappresentati i due politecnici federali e le dieci università svizzere.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.