IT   EN

Ultimi tweet

Adeguamento della legislazione svizzera in materia di biocidi

Il Consiglio federale ha deciso di rivedere l'ordinanza sui biocidi (OBioc). Con le modifiche si intende assicurare un livello elevato di protezione della salute e dell'ambiente ed evitare gli ostacoli tecnici al commercio. Esse tengono conto dei risultati della consultazione delle cerchie interessate. L'ordinanza modificata entrerà in vigore il 15 luglio 2014.

 

Il Consiglio federale ha adeguato la legislazione sui biocidi in modo da semplificare l'omologazione di quelli meno pericolosi (p. es. un repellente a base di olio di lavanda) e introdurre criteri di omologazione più restrittivi per quelli più pericolosi. Inoltre la revisione prevede la promozione dei metodi di sperimentazione alternativi che non fanno uso di animali da laboratorio.

Questo adeguamento dell'OBioc permetterà di mantenere l'accordo di riconoscimento reciproco esistente, che garantisce alle imprese svizzere un accesso facilitato al mercato europeo. I biocidi già autorizzati dall'Unione europea saranno omologati in Svizzera mediante una procedura di riconoscimento semplificata.

Potranno essere immessi sul mercato soltanto gli articoli trattati con biocidi contenenti principi attivi autorizzati a tale scopo. L'obiettivo di questa nuova misura è evitare che gli articoli trattati con biocidi (p. es. un tappeto impregnato di un acaricida) causino problemi di salute, come per esempio eczemi, o abbiano un impatto negativo sull'ambiente.

Inoltre le modifiche apportate consentono di rispettare la scadenza, fissata al 1° giugno 2015, per il passaggio al nuovo sistema di etichettatura dei prodotti chimici, che utilizza nuovi pittogrammi per segnalare la pericolosità dei prodotti.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.