IT   EN

Ultimi tweet

Accountability Day: la Fondazione Meyer presenta il bilancio 2015

Si chiama benchmark ed è l’indice che misura l’efficienza della raccolta fondi effettuata dagli enti non profit. Un dato importantissimo per misurare quanto, delle donazioni, viene davvero investito in progetti a beneficio degli effettivi destinatari. Su questo fronte, la Fondazione Meyer si conferma anche quest’anno come uno degli enti più virtuosi nel panorama nazionale, con solo il 7,8% delle risorse impiegato in attività di supporto e il 10,8% utilizzato per investimenti in ambito della comunicazione e raccolta fondi.

Tutto il resto è a totale disposizione dei bambini e delle loro famiglie. È questo uno dei tanti dati che verrà presentato domani, giovedì 29 settembre, nel corso dell’Accountability Day, la giornata della trasparenza organizzata dalla Fondazione Meyer per presentare il suo bilancio di esercizio 2015. L’evento, giunto alla sua seconda edizione, rappresenta un’occasione preziosa per condividere con la propria comunità di riferimento le scelte fatte e gli obiettivi raggiunti. Tutti i bilanci della Fondazione sono soggetti al controllo di legge di un collegio di sindaci revisori e sono certificati da una società di revisione indipendente. Una politica della trasparenza che non manca di dare risultati davvero positivi: nel 2015 sono stati oltre 16mila i donatori che hanno scelto la Fondazione Meyer. Tra questi, il 65% sono persone fisiche e il 28% aziende. Significativo anche il dato del 5 per mille: più di 148mila persone hanno optato per la Fondazione Meyer nella propria dichiarazione dei redditi (l’ente risulta al settimo posto nella graduatoria nazionale delle onlus e degli enti di volontariato). Una scelta che attesta la reputazione di affidabilità e l’affetto di cui gode la Fondazione. Altro dato significativo è quello che riguarda il numero di eventi benefici autorizzati organizzati nel corso dell’anno: 221, di cui una parte organizzata fuori regione. Ad aprire la giornata, saranno il Presidente della Fondazione Meyer Gianpaolo Donzelli e il Direttore Generale del Meyer Alberto Zanobini. Seguiranno contributi di consiglieri, garanti e revisori. 

I traguardi raggiunti. Nel 2015 la Fondazione ha sostenuto lo sviluppo delle attività sanitarie, la ricerca scientifica, l’aggiornamento tecnologico e le azioni di formazione permanente del Meyer, attraverso un investimento di oltre 5 milioni di euro. Quasi un milione di euro è stato inoltre destinato al miglioramento della qualità dell’accoglienza dei bambini e delle loro famiglie. 

Tanti i progetti realizzati: l’acquisto di una sistema di trasporto neonatale (120mila euro), borse di studio per attività di ricerca, acquisizione di tecnologie per l’Oncoematologia pediatrica, un robot dedicato alla neurochirurgia con un nuovo sistema di neuronavigazione (658mila euro), un circuito di imaging e videodidattica nelle sale operatorie (285mila euro), un microscopio operatorio per l’oftalmologia pediatrica (158mila euro), attività di ricerca correlata al progetto Next generation sequencing per la mappatura del DNA.

“La Fondazione Meyer è una fondazione alla luce del sole per un ospedale alla luce del sole. – spiega il professor Gianpaolo Donzelli, presidente della Fondazione Meyer – Siamo profondamente convinti che la politica della trasparenza, elemento fondamentale dell’integrità, ripaga, perché migliora il modo di lavorare, rafforza lo spirito di squadra e porta idee innovative. Preferiamo affidarci all’evidenza di tante cose fatte e non solo ad enunciati e buoni propositi”.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.