IT   EN

Ultimi tweet

A LECCE UN CEROTTO PER LA DISFAGIA COLLEGATO A UNA APP

Si chiama Benefit - Benessere nutrizionale e fisico con tecnologie indossabili - il progetto cofinanziato dalla Regione Puglia nell'ambito del bando Innonetwork giunto alla fase di sperimentazione con la collaborazione della Asl di Lecce.

Responsabile della ricerca e' un team multidisciplinare di aziende locali, nazionali ed Enti pubblici che intendono sviluppare una piattaforma tecnologica connessa a una soluzione mobile (smartphone) che faccia da supporto alle valutazioni di un medico foniatra sui casi di disfagia.

Nello specifico, si tratta di un cerotto realizzato con materiale piezoelettrico applicato nella zona del collo di un paziente disfagico - interfacciato via bluetooth con un App mobile - raccoglie dati relativi alla deglutizione, sia nel corso di una visita, che a lungo termine e a distanza.

"Accedendo alla piattaforma web, il medico, oltre a consultare dati e statistiche inerenti le misurazioni effettuate e disporre dunque di un data base storico, puo' eseguire attivita' di analisi predittive e/o cliniche sui dati dei singoli pazienti", spiega Vincenzo Sallustio, referente dell'Unita' di Foniatria della "Cittadella della Salute" di Lecce. "Uno dei vantaggi della soluzione Benefit e' che una volta compresa la tecnica di applicazione puo' essere gestito facilmente dai familiari o assistenti dei pazienti nella propria abitazione, e' uno strumento assolutamente non invasivo che puo' rivelarsi di straordinaria utilita' per i medici", aggiunge Sallustio che con la sua e'quipe segue in provincia di Lecce circa 300 pazienti affetti dal disturbo. La sperimentazione nell'unita' di Foniatria iniziera' su un campione di 12 persone che non presentano sintomi disfagici mentre in una seconda fase sara' avviata la sperimentazione su altrettante persone con disturbo disfagico a vari livello di gravita'. "Si pensi a quanto sarebbe importante - conclude Sallustio - misurare eventuali miglioramenti nella deglutizione in pazienti sottoposti a terapie riabilitative".

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.